Alemanno e l'appello di Marchini: "Discontinuità? Ci stiamo lavorando"

Il sindaco risponde all'ingegnere che aveva parlato della necessità di rompere con chi ha deluso la città

Quando alle 17.48 compare l'agenzia Ansa con questo titolo "Alemanno, stiamo Lavorando per Discontinuità" in tanti hanno pensato ad un errore. Il virgolettato, che risponde all'appello lanciato poco prima da Marchini, sembra più attribuile a Marino che ad Alemanno. Ed invece no, è proprio il sindaco a parlare e ribadire la discontinuità da se stesso (Marchini la chiedeva proprio dalla gestione Alemanno, ndr).

Ecco cosa ha detto Alemanno: "Credo che l'appello di Marchini per la discontinuità debba essere accolto da tutti. Noi rivendichiamo quanto abbiamo fatto ma stiamo lavorando per la discontinuita". Alemanno ha sottolineato che "il vero dato centrale è quello di creare una partecipazione al voto perché di fronte a un'astensione così alta è chiaro che al ballottaggio bisogna inserire elementi di discontinuità. Dobbiamo raccogliere l'appello di una persona che è stata protagonista del primo turno e ha sottolineato le difficoltà che ci sono state". Il sindaco ha poi aggiunto di stare lavorando per "nuove suggestioni e proposte".

Quasi a voler specificare quanto detto dal sindaco arriva la dichiarazione di Ciocchetti: "Alemanno ha già iniziato la sua azione di discontinuità. Nel 2008 era sostenuto dal Pdl e da una piccola lista civica e così è stato per tutti e cinque gli anni di governo. Ora invece si presenta con una coalizione allargata, rappresentata da forze politiche ed esponenti che erano all'opposizione. Alemanno ha avuto la capacità - conclude - di allargare oltre il Pdl. Il ticket fatto con il sottoscritto dimostra proprio questo".

Il candidato del centrosinistra Marino ironizza: "Anche il sindaco Gianni Alemanno vuole discontinuità? Io non so se potrò contare anche sul suo voto. Sicuramente per quanto riguarda le parole di Alfio Marchini - ha aggiunto - sono assolutamente d'accordo: tutte le forze che vogliono discontinuità in questo momento devono lavorare per liberare Roma".

Duro nello scherno Marco Miccoli: "Il patetico Alemanno è ormai alla frutta. E' talmente disperato che arriva al punto di lodare Marchini che lo ha pesantemente criticato, bocciando in toto la gestione fallimentare della destra in Campidoglio. Pur di elemosinare qualche voto da parte dei sostenitori di Alfio Marchini - aggiunge -, il primo cittadino (ormai per fortuna quasi ex) ammette candidamente che in cinque anni ha fallito rovinosamente e annuncia una discontinuità. Su questo punto, per una volta, Alemanno ha ragione: la discontinuità ci sarà grazie a Ignazio Marino".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

Torna su
RomaToday è in caricamento