Stadio della Roma, la Cassazione smonta le accuse contro De Vito: “Solo congetture”

Con trenta pagine di motivazioni i giudici della Suprema Corte mettono in discussione l’ordinanza di arresto: contro De Vito e l’avvocato Mezzacapo ci sarebbero solo "congetture" ed "enunciati contraddittori"

Marcello De Vito

Le accuse contro l'ex presidente dell'assemblea capitolina Marcello De Vito non reggono e si basano su motivazioni insufficienti. Lo affermano i giudici della Cassazione nelle motivazioni della sentenza che lo scorso 12 luglio ha annullato con rinvio l'ordinanza del Tribunale del Riesame di Roma nei confronti di De Vito e degli altri soggetti coinvolti nel giro di presunte mazzette che l'imprenditore Luca Parnasi avrebbe elargito per favorire il progetto del nuovo stadio della Roma.

Stadio della Roma: “Contro De Vito solo congetture”

Secondo i giudici supremi non ci sarebbero "dati indiziari" sufficientemente motivati dal gip e poi dal Riesame per sostenere che l’ex presidente dell'Assemblea Capitolina e l'avvocato Camillo Mezzacapo, finiti in carcere il 20 marzo scorso e da luglio ai domiciliari, facessero parte del "gruppo criminale" guidato dall'imprenditore Parnasi e fossero vittime del suo "metodo corruttivo".

Al momento dunque, secondo la Cassazione, contro De Vito e Mezzacapo ci sarebbero solo "congetture" ed "enunciati contraddittori", tratti dalle dichiarazioni dello stesso Parnasi ai magistrati all'indomani del suo arresto nell’ambito del primo filone dell’inchiesta. 

Parole su cui i giudici capitolini avrebbero svolto un’operazione ‘interpretativa’: “Il valore confessorio dell'esistenza di un patto corruttivo - scrivono i giudici della Suprema Corte - che a tali dichiarazioni è stato attribuito dai giudici capitolini, non rispecchia l'obiettivo tenore delle stesse, potendo pertanto riconnettersi solo ad una operazione interpretativa, che assegni loro una portata per così dire 'addomesticata' che non è stata tuttavia esplicitata, né può logicamente desumersi dagli ulteriori dati indiziari di cui sopra". 

Arresto De Vito, dallo Stadio agli ex Mercati Generali: ecco le operazioni urbanistiche della "Congiunzione astrale" 

Stadio della Roma, la Cassazione smonta le accuse su De Vito

Trenta pagine che smontano così l’impianto accusatorio nei confronti di De Vito. Sul ruolo politico che avrebbe svolto per “favorire” il sì al progetto dello stadio della Roma la Cassazione definisce come "gravemente insufficiente sul piano della motivazione" la parte sul presunto “atto contrario ai doveri d'ufficio” che De Vito avrebbe compiuto quando, da presidente dell'assemblea del 14 giugno 2017, espresse il voto favorevole all'approvazione del progetto dell’impianto di Tor di Valle e relative varianti. 

Un voto che  “interviene all'esito di un già apprezzabile iter procedurale, scandito, dopo la presentazione del progetto oltre tre anni prima, sotto la sindacatura Marino, ed una prima dichiarazione di pubblico interesse dell'opera da parte della Giunta del tempo, da una convergente dichiarazione pubblica in tal senso della sindaca Raggi”. 

De Vito: “Continuerò a difendere la mia innocenza”

“Continuerò a difendere la mia innocenza, la mia reputazione e la mia onestà in ogni sede, sempre con la dignità che mi contraddistingue dagli altri miei colleghi, che senza scrupolo alcuno fanno comodi proclami senza dimostrare fiducia, garantismo e senza nemmeno il coraggio di autocritica” – ha commentato polemico all’Agi Marcello De Vito. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 10 settembre il Tribunale delle libertà si riunirà per rivalutare le esigenze dell’arresto: e in quella data l’esponente grillino potrebbe tornare libero. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento