Coronavirus, la Coop supera la Regione: supermercati chiusi la domenica

La comunicazione: "Così evitiamo concentrazione clientela e veniamo incontro a necessità addetti". Il sindacato: "E' scelta etica e vittoria lavoratori"

Oltre l’ordinanza della Regione Lazio che come misura per contrastare il contagio da Coronavirus ha rimodulato gli orari dei supermercati, aperti dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 19 e la domenica dalle 8:30 alle 15, la Coop ha deciso per la chiusura domenicale. Nei punti vendita Coop, un centinaio tra Roma e Lazio, niente spesa domenica 22 e 29 marzo. 

Coronavirus, supermercati Coop chiusi la domenica

“La riteniamo una misura doverosa per contribuire a limitare le presenze per strada diluendo gli acquisti delle famiglie durante i giorni feriali della settimana e impedendone la concentrazione durante la domenica e, contemporaneamente per venire incontro alle necessità dei colleghi che operano nei punti vendita e che – ha scritto Coop in una nota - potranno così ottenere una pausa in grado anche di attenuare la tensione delle scorse settimane”. 

Supermercati chiusi la domenica, Cobas: “Vittoria lavoratori”

“Finalmente una scelta etica che tiene insieme l'esigenza di una pausa per i lavoratori impegnati nei punti vendita e rafforza l’invito a limitare le uscite dei cittadini. Un'altra vittoria dei lavoratori e del sindacato senza se e senza ma” – il commento di Francesco Iacovone, dei Cobas Lavoro Privato. 

Coronavirus, l’allarme: “Nei supermercati mancano mascherine”

Ma se Coop nei giorni scorsi era stata tra le prime a dotare le casse dei propri supermercati di barriere in plexiglass a protezione dei lavoratori, è la stessa Lega Coop Lazio che lancia l’allarme sui “lavoratori in trincea a mani nude”. Anche per addetti alla vendita, banchisti e cassieri mancano le mascherine. 

“Tante donne e tanti uomini si fanno carico di bisogni emergenziali con enormi sacrifici e senza avere sempre gli strumenti di sicurezza che sono introvabili. È questo il momento della responsabilità: ci stiamo adoperando per reperire dispositivi di protezione individuale nelle prossime ore per tutti i soci e il personale delle Cooperative, ma chiediamo anche attenzione alle autorità pubbliche per avere gli strumenti necessari e per fare il nostro lavoro” – ha scritto Legacoop Lazio unendosi alla richiesta dell’Alleanza delle Cooperative. 

Su questo lo scontro con il sindacato è aperto. “E’ paradossale che Coop denunci la mancanza di mascherine quando sono loro che avrebbero dovute reperirle per i propri lavoratori dotandoli di dispositivi di protezione individuali idonei. Donne e uomini in prima linea durante questa emergenza da Coronavirus che di certo – denuncia Iacovone – non possono indossare stracci per proteggersi dal contagio”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento