Coronavirus, i supermercati chiudono prima: orari invariati per edicole e benzinai

La Regione Lazio ha integrato la propria ordinanza: esentati da limiti di orario imposti ai supermercati edicole, benzinai e distributori automatici così come farmacie e parafarmacie

Edicole, benzinai e distributori automatici non dovranno rispettare gli orari dei supermercati che la Regione Lazio ha rimodulato per prevenire e gestire l’emergenza Coronavirus

Coronavirus, orari benzinai ed edicole

I supermarket saranno aperti dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 19, la domenica dalle 8:30 alle 15: nessuna limitazione di fascia oraria invece per giornalai e benzinai, proprio come per farmacie e parafarmacie.

Coronavirus, orari supermercati nel Lazio

A specificarlo un'altra ordinanza della Pisana che integra i contenuti di quella precedente. Il provvedimento – anche questo firmato dal vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, dopo essere stato concertato con gli assessori al Lavoro e nuovi diritti, Formazione, Scuola e diritto allo studio universitario, Politiche per la ricostruzione, Claudio Di Berardino, e allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-up e Innovazione, Paolo Orneli – nello specifico prevede che le disposizioni previste per i supermercati non si applicano, oltre che alle farmacie e parafarmacie, anche alle edicole (attività di commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici); ai distributori automatici e ai benzinai (aree di servizio e di rifornimento carburanti), sia quelli situati sulla rete stradale, sia quelli autostradali, compresi i self-service.

Coronavirus, i supermercati chiudono alle 19. La domenica orario dimezzato

“Gli orari di apertura e chiusura di queste tipologie di attività commerciali non sono di conseguenza soggetti alle limitazioni stabilite con il provvedimento del 17 marzo. Questa modifica – ha fatto sapere la Regione Lazio - è stata apportata in considerazione delle esigenze specifiche di queste attività commerciali, dovute alla loro natura stessa”. 

Va ricordato che la nuova ordinanza, così come quella precedente, riguarda esclusivamente le attività commerciali e non le attività artigianali consentite; di conseguenza non sono previste limitazioni di orario, a titolo di esempio, per i forni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, orari supermercati piccoli comuni

Il nuovo provvedimento della Pisana prevede poi che “nei piccoli Comuni”, ossia quelli sotto i 5.000 abitanti, “con carenza di attività commerciali al dettaglio di beni di prima necessità e, in particolare, di medie e grandi strutture di vendita”, i sindaci potranno, con ordinanza, anticipare l’orario di apertura dei negozi rispetto a quanto previsto dall’ordinanza regionale, ossia le 8.30. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento