Polizia locale, l'Ugl commemora i caduti in servizio: "Continuano a trattarci come impiegati"

Sono 52 i caduti in servizio della Polizia Locale italiana, a partire dal dopo guerra. Oggi a Roma la commemorazione con un messa solenne celebrata alle ore 11.00 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli in piazza della Repubblica. Alle 09.00 si è svolto  anche un sit-in indetto dalla UGL delle Autonomie per la Polizia Locale.

"Questi 52 decessi", spiega Ugl, "non sono imputabili solamente ad accidentali casualità come lo sono stati gli investimenti stradali o sinistri con i mezzi di servizio o ad eroici gesti di altruismo per salvare aspiranti suicidi o persone in gravi situazioni a rischio, ma per ben 22 di loro si è trattato di veri e propri omicidi a mano armata da parte di delinquenti colti in flagranza di reato o da parte della criminalità organizzata ed in un caso anche da terroristi".

"In nessun caso", continua la nota, "è stato mai riconosciuto un funerale di Stato, né benefici ai familiari superstiti come avviene per gli appartenenti alle Polizie di Stato.   Proprio oggi ricorre il quarto anniversario della morte del Tenente Michele Liguori del Comando di Acerra morto a seguito di due tumori contratti per la sua continua attività investigativa contro reati ambientali commessi dalla camorra nella “Terra di Fuochi”; mentre solo una settimana fa cadeva il sesto anniversario dell’agente Nicolò Savarino del Comando di Milano travolto in sella alla bici di servizio dopo aver intimato l’alt ad un Suv sospetto poi risultato rubato e condotto da un minorenne di etnia rom già in regime di semi libertà".

Per rendere note tutte le motivazioni delle morti per servizio, durante la manifestazione odierna, è stata esposta una lapide simbolica sul sagrato della Basilica da parte del Coordinamento Romano della Ugl-Pl. Ma oltre la commemorazione ai propri caduti, definiti EROI, l’Ugl-Pl con la manifestazione odierna vuole puntare il dito contro la non più tollerabile condizione lavorativa della Polizia Locale sempre più esposta a maggiori rischi per l’incolumità dei suoi appartenenti coinvolti, oggi più ieri, nell’assicurare sicurezza ai cittadini ma senza le dovute tutele giuridiche e previdenziali e senza gli idonei equipaggiamenti.

"Nonostante le continue modifiche legislative che coinvolgono in prima linea gli operatori della Polizia Locale contro la criminalità", spiega il sindacato, "essi restano relegati al contratto degli impiegati, dei tecnici e delle maestre degli Enti Locali senza alcuna specifica distinzione che li equipari agli operatori delle altre Forze di Polizia".

Ugl commemora i caduti della Polizia Locale (3)

L’ultimo provvedimento legislativo in tema di sicurezza di quasi un anno fa, a firma del Ministro Minniti, ha disposto precise competenze alla Polizia Locale in tema di “Sicurezza urbana” intesa come prevenzione della criminalità, in particolare di tipo predatorio anche attraverso  ordinanze contingibili e urgenti emanate dal Sindaco contro l'insorgere di fenomeni criminosi o di illegalità, quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l'accattonaggio con impiego di minori e disabili, fenomeni di abusivismo di violenza, anche legati all'abuso di alcool o all'uso di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma nonostante questa ulteriore attribuzione di oneri di Polizia in carico alla Polizia Locale", spiega Ugl, "non è stato modificato il suo inquadramento contrattuale, tanto che nel rinnovo in corso del CCNL la Funzione Pubblica, in capo alla Ministra Madia, continua a mantenerla nel comparto degli Enti Locali. Per questo motivo il sindacato Ugl delle Autonomie ha dato mandato alla propria struttura legale di citare in giudizio la Funzione Pubblica per veder riconoscere alla categoria i diritti di tutela previdenziale ed assistenziale previsti per coloro che svolgono funzioni di Polizia, ad iniziare dalla causa di servizio, ignobilmente soppressa dal Governo Monti e a seguire dal riconoscimento dell’indennità di P.S. e fino all’attribuzione dei benefici spettanti come Categoria a rischio, attraverso una specifica area del CCNL".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: a Roma e provincia 7 nuovi contagi. Positiva al Covid19 famiglia proveniente dagli Usa

Torna su
RomaToday è in caricamento