Ciclabile illuminata: la valorizzazione del Tevere passa per lo sport. Ma solo a Roma Nord

Sistemata l'illuminazione nella ciclabile sotto Castel Sant'Angelo

Foto di Angelo Diario

La ciclabile del Tevere illuminata, in uno dei punti più panoramici della Capitale. Lo scenario suggestivo, gratifica la vista e rende ancor più arricchente l'attività sportiva. Un'iniziativa incoraggiante, indubbiamente da replicare. "Non siamo a Vienna o Budapest lungo il Danubio, né a Parigi lungo la Senna o a Londra lungo il Tamigi. Questo é il Tevere. Questa é Roma, oggi" commenta il presidente della commissione Sport Angelo Diario, mostrando la foto della ciclabile illuminata "dove quindi si può passeggiare, pedalare o correre anche dopo il tramonto".

Una ciclabile da cartolina

L'immagine è di sicuro impatto. Ai piedi dei faraglioni, sulla banchina, con lo scintillìo dei lampioni, la sagoma di Castel Sant'Angelo e quella di ponte Vittorio Emanuele II. L'effetto è da cartolina, davvero unico. "Per tanti anni questi bellissimi quattro chilometri nel pieno centro di Roma sono rimasti nascosti, al buio" ha sottolineato Diario, che poi ha speigato come, l'accensione, sia avvenuta in occasione della "Roma Bike Night".

Il Tevere valorizzato a Nord e dimenticato a Sud

Il connubio tra il fiume e la bici, fa parte di una strategia più ampia. Diario parla apertamente di "valorizzare il Tevere attraverso lo sport" come di "uno degli obiettivi che ci siamo dati". Il risultato in questo caso è buono. D'altra parte "il biondo" , in quel quadrante cittadino, già è impreziosito dalla presenza di rinomati circoli sportivi. Se però si scende sotto l'isola Tiberina, in direzione Ostia, allora lo scenario cambia nettamente. Non bisogna essere necessariamente un rappresentante politico dell'opposizione, per farlo notare. Anzi, ci sono anche dei pentastellati che sono pronti a ribadirlo. "Questa è Roma Centro Nord  - commentainfatti il consigliere Pentastellato del Municipio XI Gianluca Martone – se vai 4 km più a sud, a quell'ora in bici ti ammazzano. E la mia non è una supposizione ma cronaca". D'altra parte è anche evidente la discrepanza che sussiste tra la cura delle ciclabili a nord ed a sud dell'isola. Com'è altrettanto palese le condizioni in cui versa il Tevere, nei due diversi quadranti.

Le richieste d'attenzione di Roma sud

Ma le luci, nei quattro chilometri indicati da Diario, non sono di nuova installazione. Già c'erano anche se magari i lampioni erano spenti. "In quel tratto l'impianto di illuminazione c’è sempre stato e si è fatta finalmente la manutenzione – spiega Fausto Bonafaccia, presidente di BiciRoma – sarebbe veramente meritevole invece fare l'illuminazione dall'altra parte sino a risalire a Lungotevere Pietra Papa – ovvero in zona Marconi – dove c'è da fare l' impianto e non basta cambiare qualche lampadina. Te lo dico – conclude Bonafaccia - per non farci prendere in giro da chi si inizia a spacciare per salvatore della ciclabilità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento