homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Chiude il centro rom di Via Salaria: "Oltre 300 persone in strada senza alternativa"

Le ragioni della chiusura: "Permanenza nel centro oltre i tempi stabiliti e violazione delle regole del centro". 21 Luglio: "Non esistono tempistiche scritte nè regolamenti. 123 persone finiranno senza un tetto"

Ex Cartiera via Salaria

Il Comune si prepara a chiudere il centro di accoglienza di via Salaria. Nell'ex cartiera vivono da anni un centinaio di famiglie rom, raggiunte in queste ore da notifiche di dimissione firmate dal dipartimento Politiche Sociali. Centoventitre nuclei che a breve finiranno in strada, perché alternative abitative, a quanto pare, per il momento, non ce ne sono. L'allarme arriva dall'associazione 21 Luglio. 

Parliamo di "325 persone, tra cui 139 minori e decine di anziani gravemente malati, si ritroveranno improvvisamente per strada, senza un tetto sopra la testa, in seguito alla decisione del Comune di Roma di dimettere tutti gli ospiti accolti nel centro di raccolta rom di via Salaria 971, senza concedere loro alcuna alternativa abitativa adeguata". Secondo quanto riportato nei fogli di dimissioni, e stando a qunato raccolta dala 21 luglio, gli ospiti dovranno abbandonare la struttura "entro e non oltre la data del 28 marzo 2016". 

"L’Associazione 21 luglio esprime profonda preoccupazione per l’intervento che il Comune intende porre in atto perché questo avrebbe come sola conseguenza quella di rendere ulteriormente vulnerabili uomini, donne e bambini e di interrompere inevitabilmente il percorso scolastico di 55 minori che attualmente frequentano regolarmente la scuola". 

E a preoccupare sono anche le ragioni della chiusura. Si fa infatti riferimento a un non meglio precisato  "tempo di permanenza presso la struttura, in considerazione del carattere di temporaneità dell’accoglienza" che sarebbe stato superato. Non meglio precisato perché, come spiegato dagli attivisti, "non è presente in alcun regolamento della struttura, né è mai stato comunicato alle famiglie al momento dell’ingresso".  

L’altra motivazione addotta dal Comune risulta invece l’infrazione, da parte delle famiglie, di regole fondamentali previste dal regolamento della struttura, quali il divieto di "ospitare irregolarmente persone esterne all’interno del centro". Prescrizioni particolarmente restrittive, tuttavia, che fanno riferimento a un regolamento non trasparente e non acquisibile per consultazione neanche dagli stessi ospiti. 

Più volte, nel corso degli ultimi anni, l’Associazione 21 luglio ha puntato i riflettori sul centro di via Salaria, sottolineando la necessità di superare con urgenza una struttura priva dei requisiti strutturali e organizzativi previsti dalla legge regionale e nazionale e in cui, dal novembre 2009, sono concentrate comunità rom su base etnica e in violazione dei diritti fondamentali. Il centro, peraltro, è gestito dal Consorzio Casa della Solidarietà, che è stato commissariato in virtù degli sviluppi dell’inchiesta su “Mafia Capitale”. Ma non così. 

"Superare questa struttura attraverso dimissioni collettive che non prevedono alternative abitative adeguate – afferma l’Associazione 21 luglio – è la scelta peggiore tra le opzioni possibili. Mettere sulla strada 123 nuclei familiari, interrompere la frequenza scolastica dei bambini, negare l’accoglienza a decine di anziani con invalidità anche gravi: è questa l’interpretazione della Strategia Nazionale per l’inclusione dei Rom che il Comune di Roma intende declinare sul territorio?". Da qui la richiesta di un'immediata sospensione del provvedimento di chiusura, con un sit in corso da questa mattina davanti al dipartimento Politiche Sociali in viale Manzoni. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Ancora DEBBO leggere di BUONISTI che difendono e giustificano questi personaggi che nella società hanno un ruolo (per scelta) da parassiti. Questi SIGNORI dicono di volere l'integrazione salvo poi NON fare nulla per integrarsi. INTEGRARSI significa rispettare le leggi, lavorare, pagare i servizi, pagare le tasse, questi signori nemmeno l'assicurazione dei furgoni pagano, ergo se ne tornassero al paesello natio a chiudere ciò che vogliono dai cittadini italiani e non che pagano tasse e balzelli vari!!!!

  • e i ragazzi che frequentano le scuole? è stato previsto qualcosa per loro? verranno sbattuti da una scuola all'altra? perderanno amici e integrazione... che vergogna!

    • Avatar di Mr
      Mr

      I tuoi ideali sono nobili, ma se non ti sei mai prodigata sul campo a favore di questa gente o dei meno abbienti in genere, mi dispiace, ma sei solo una buonista da tastiera, quindi una tristezza di commentatrice quanto noi e dovresti vergognarti anche tu in quanto hai la possibilità di poterli aiutare, in osservanza ai tuoi principi ed al tuo buon cuore, ma non lo fai. Non è un attacco personale, per carità, ma una riflessione generale su un concetto.

      • IO non mi sento triste nei commenti, assolutamente, valuto ciò che vedo ed i loro comportamenti. LA solidarietà VA CONQUISTATA non pretesa a prescindere abbiamo MIGLIAIA di italiani in condizioni SIMILI e nessuno se ne interessa a cominciare dalle istituzioni per finire alle associazioni e cooperative, Enti che al contrario fanno ponti d'oro per questi soggetti, ovviamente perchè hanno un ritorno economico e lavorativo ben remunerato!!!!

  • viaaaaa mandate via tutti nella loro nazione

  • ...che tristezza di commenti...e di persone

  • propongo che per i NON italiani ci sia l'espiulsione immediata, possono tornare nel loro paese. Gia dobbiamo pensare ai rom italiani, e ci bastano, ma i rom romeni (per dire) possono andare.

  • Avatar di Mr
    Mr

    Perchè i membri dell'Associazione 21 Luglio, persone armate di spirito caritatevole e con ampi valori di giustizia sociale, a fronte di questa calamità non dà dimostrazione del suo buon cuore ospitando a casa propria queste famiglie disagiate? Almeno i minori potrebbero ospitarli in casa. ......se non lo fate, siete razzisti quanto le persone che additate a razzisti!

  • Devono rimpacchettali e mannalli a fare in cuxo nel proprio habitat

  • rimandateli a casa loro non facciamoci sfruttare ancora!!

  • Al paese loro.

  • Ci sono TANTI ITALIANI sfrattati e senza tetto !!! possono benissimo tornare nei paesi di provenienza a farsi dare una casa popolare!!!

  • Magari cominciano ad attrezzarsi per trovarsi un lavoro e, non vivere sulle spalle di paga le tasse.. A cominciare da sta 21 Luglio che deve secondo troppi soldi avrà fatto sparire, da buona coop!!

  • E tutti gli italiani che sono senza una casa????? A queste povere pesone (italiane) ci pensa l'associazione21luglio???? I rom hanno voglia di integrarsi e rispettare le leggi italiane? Ok allora cominciassero a pagare le tasse, a cercarsi un lavoro onesto e se vogliono una casa....se la comprassero come tutti gli italiani che con nil sudore della fronte si pagano un mutuo!!!! In quanto all'associazione 21 luglio....ma cosa è successo il 21 luglio di così importante da prendere a cuore i diritti dei rom a discapito dei diritti degli italiani????

Notizie di oggi

  • Politica

    Renato ucciso dal Fascismo: "Dieci anni dopo accade ancora. Fermo lo dimostra"

  • Politica

    Rocca Cencia, contro i miasmi Muraro blocca le attività "incriminate"

  • Cronaca

    Terremoto, oggi lutto nazionale: Mattarella in visita nei paesi colpiti

  • Cronaca

    Amatrice isolata, chiuso il ponte a Tre Occhi: almeno 3 giorni per la bretella sostitutiva

I più letti della settimana

  • Terremoto, Roma non è a rischio sismico: "Ma le scosse possono fare danni"

  • Terremoto, Roma è solidale: già attivati numerosi centri di raccolta per generi di prima necessità

  • Torri all'Eur, il Comune revoca i permessi: Telecom verso l'addio al progetto

  • Scalano a mani nude la Vela di Calatrava: il video dell'impresa di due freeclimber

  • Raggi punta sulle periferie: ok alla delibera per il bando del Governo

  • Incendio a Muratella: "Cani e gatti tutti salvi, ma il Comune è rimasto in silenzio"

Torna su
RomaToday è in caricamento