Casa, sottoscritti i nuovi accordi territoriali per l'affitto a canone concordato

Castiglione: "Inconcepibile fossero fermi al 2004"

Roma ha nuovi accordi territoriali per la stipulazione dei contratti di affitto a canone concordato sul territorio comunale. Depositati questa mattina presso il Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative di Roma Capitale, sono stati sottoscritti dalle sigle Appc, Arpe, Asppi, Confappi, Confedilizia, Uppi, Ania, Federcasa, Sai Cisal, Sicet, Sunia, Uniat Aps Lazio e Unione Inquilini. 

Il deposito, scrive in una nota il Campidoglio, giunge a seguito dell’iter avviato su impulso dell’assessorato Patrimonio e Politiche Abitative di Roma Capitale, che nel maggio scorso ha convocato le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini maggiormente rappresentative a livello locale chiedendo di mettere in atto le azioni necessarie al fine di rinnovare i precedenti accordi territoriali, fermi al 2004. 

"Gli accordi territoriali per i contratti di affitto a canone concordato sono uno strumento fondamentale e non era concepibile che i parametri fossero ancora fermi al 2004" il commento dell'assessora Rosalba Castiglione. "Perciò abbiamo dato un fondamentale impulso affinché si avviassero le interlocuzioni tra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini maggiormente rappresentative a livello locale e si arrivasse nel minor tempo possibile al deposito dei nuovi accordi. L’impegno dell’Amministrazione su questo fronte è massimo. È fondamentale che tutti i soggetti collaborino con senso di responsabilità, nell’ottica di fornire strumenti adeguati e rispondenti alle mutate esigenze dei cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Critico il sindacato Unione Inquilini: "L'accordo avrebbe dovuto tenere conto del grave disagio dei romani. Abbiamo firmato per un senso di responsabilità e per continuare a tutelare gli inquilini" le parole del segretario romano Fabrizio Ragucci. Il sindacato ha espresso riserve in merito a tre punti: "Riteniamo che l'elenco dei parametri per la collocazione nelle subfasce non sia idoneo a individuare la reale qualità degli alloggi; in numerose zone i valori delle fasce appaiono eccessivi perché troppo vicini a quelli di mercato e riteniamo che ciò possa creare le condizioni per un ulteriore aggravamento della tensione abitativa a Roma e in ultimo, il mancato obbligo di allegare al contratto l'inventario del mobilio". Unione Inquilini "continuerà a monitorare l'andamento e l'efficacia di questo nuovo accordo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus, a Fiumicino positivo dipendente di un ristorante. Il sindaco: "Tampone e isolamento per i clienti"

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

  • Coronavirus, a Roma troppi casi dal Bangladesh: D'Amato chiede più controlli sui "voli internazionali"

Torna su
RomaToday è in caricamento