"La Casa delle donne va sgomberata": l'allarme lanciato da Lucha y Siesta. Comune e Atac fissano la data

La Casa delle Donne 'Lucha y Siesta', con una lettera, spiegano: "La brutale accelerazione delle procedure di sgombero fa supporre che esista già un acquirente"

Foto di Sara Cervelli

La Casa delle donne Lucha y Siesta sarà sgomberata. E' quanto spiegano da via della Lungara con un lungo post dove si legge anche una data, quella del 15 settembre, in cui è stato annunciato anche l'interruzione delle utenze.

"Comune, Atac e Tribunale hanno deciso. La gravissima decisione ci è stata comunicata ieri con una lettera che ci avvisa dell'immediato sgombero dello stabile. È così che Comune, Atac e Tribunale vogliono decretare la fine di una delle esperienze socio-culturali più preziose in città, e la soppressione del Centro e della Casa rifugio per donne che vogliono uscire dalla violenza più grande di Roma e della Regione Lazio", scrive Lucha y Siesta.

Il 15 settembre la luce si spegnerà. "La brutale accelerazione delle procedure di sgombero, nonostante le inconsistenti rassicurazioni dell'ultimo anno, oltre a causare sconcerto e apprensione per il futuro tra chi vive nella struttura (15 donne e 7 bambini), fa supporre che esista già un acquirente", si legge nella lettera firmata da donne, attiviste e femministe della Casa delle donne Lucha y Siesta che continua: "Da una parte quindi, il Comune di Roma, che fa della violenza sulle donne una vetrina politica, sceglie la precarietà dei bandi e lo svuotamento dell’approccio femminista al contrasto di questo fenomeno senza tutelare la prevenzione, la sostenibilità dei percorsi di fuoriuscita e la cultura che lo alimenta. Dall'altra l'Atac, affogato dai debiti per una storica cattiva gestione, svende il patrimonio a favore dei soliti noti speculatori".

"Dobbiamo pertanto mettere in conto che non solo le interlocuzioni avute si sono rivelate, alla prova dei fatti, solo bugie e manipolazioni, ma che questa città allo sbando è in mano a liquidatrici e a tribunali fallimentari. La politica ha abdicato alla sua funzione pubblica per nascondersi dietro procedure giudiziarie e burocratiche, preoccupandosi come sempre degli interessi di pochi piuttosto che del benessere di milioni di persone che ci vivono. - conclude la missiva - Oggi viene presentato il governo della discontinuità ma noi da qui, Roma - Pianeta Terra - non registriamo alcun cambiamento se non ingiustizia, accanimento e la solita incompetenza e incapacità politica. Da Lucha y Siesta non ce ne vogliamo andare, perché è necessaria più dell'aria".

A sostenere la battaglia anche le opposizioni. "Le notizie che giungono dalla Casa delle donne Lucha y Siesta sono allarmanti. Non è possibile procedere allo sgombero immediato senza tener conto del ruolo che la Casa ha nella Capitale e della presenza di 15 donne e 7 bambini nella struttura. L'assenza di una direzione politica nella vicenda, che avrebbe dovuto anteporre la funzione del centro alle esigenze economiche, è un chiaro segnale del fallimento e dell'assenza di una visione per la città. Questa brusca accellerazione del tribunale per il risanamento di Atac non può avvenire sulla pelle delle donne e di una esperienza socio-culturale che, negli ultimi dieci anni, ha lavorato anche attraverso risorse regionali", sostiene in una nota la consigliera regionale del Lazio Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Atac e Campidoglio rivedano le scelte e non si rendano complici di azioni contro chi offre solidarietà ai pià deboli. Sfrattare definitivamente Lucha y Siesta significa negare una mano tesa a chi soffre. Avevamo già lanciato un campanello d'allarme con un'nterrogazione e una mozione nelle quali chiedevamo gia' nei mesi scorsi di intervenire, ma la sordita' sulla questione della maggioranza capitolina èstata disarmante. La sindaca intervenga, interrompa le procedure in atto e mostri il volto solidale della nostra città". Cosi' in una nota il gruppo capitolino del Pd.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento