Esquilino, la Casa dei Diritti Sociali a rischio sgombero: “Confidiamo nel TAR”

Da oltre 20 anni la Casa dei Diritti Sociali offre servizi medici, legali e corsi d’italiano per stranieri all’Esquilino. I locali però sono del Comune che, dal 2016, li sta richiedendo indietro

Il destino di FOCUS, la Casa dei Diritti Sociali è in mano ad un giudice. Il Comune ha deciso di riprendersi i locali in cui, dal 1998, l’associazione svolge le proprie attività.

La Casa dei Diritti Sociali

Al civico 225 di via Giolitti, nel corso degli ultimi 20 anni, sono stati erogati servizi di ogni genere. Lì migliaia di cittadini hanno trovato uno sportello per consulenze legali, mediche, di orientamento ai servizi di base, corsi d’italiano per stranieri. Tutti erogati a costo zero, grazie all’attività dei volontari laici di FOCUS.

La delibera 140

Sui molteplici servizi erogati nella Casa dei Diritti Sociali, pende però una spada di Damocle. L’associazione, come centinaia di altre realtà nella Capitale, nel 2016 è stata raggiunta da una lettera del Comune. In forza della delibera 140 del 2015 l’amministrazione ha deciso di recuperare il bene. L’assegnazione, ottenuta nel 1997 e rinnovata nel 2004, è infatti scaduta. Ed alla Casa dei Diritti Sociali è stato quindi chiesto di riconsegnare, al patrimonio capitolino, i locali dell’Esquilino. Una richiesta su cui, ora, è chiamato ad esprimersi un giudice. 

Il ricorso al TAR

Il 4 luglio si è tenuta presso il TAR del Lazio un’udienza pubblica di merito. Tema del ricorso è sia “l’annullamento del diniego di rinnovo” che “l’avviso di avvio del procedimento di rilascio degli immobili di Via Giolitti”. Come hanno già fatto altre realtà, alcune anche con successo, FOCUS ha deciso di portare in Tribunale la vertenza. “Confidiamo nel Tar” ha commentato Carla Baiocchi, coordinatrice dello sportello legale.

I numeri della Casa dei Diritti

Dalla sua, FOCUS, può portare i numeri della ventennale esperienza sul territorio. In via Giolitti, ogni anno, vengono garantite 900 consulenze legali. Lì inoltre, “dal 2001 al 2017, lo sportello ha avuto la facoltà di iscrizione anagrafica di cittadini senza fissa dimora ha spiegato Carla Baiocchi. Un servizio di cui hanno beneficiato 2mila persone.  A questi numeri si aggiungono quelli della scuola di italiano. 

I corsi d'italiano per stranieri

Sono 1600 gli stranieri che ogni anno frequentano i corsi i corsi all'Esquilino. Sono divisi per tre livelli di competenze e vengono erogati quotidianamente in quattro fasce orarie. Chi ne beneficia poi, può anche decidere di frequentare un laboratorio teatrale che, dopo sei mesi di prove, si traduce in uno spettacolo rappresentato a Trastevere davanti un pubblico pagante. Un modo per rafforzare i legami sociali ed il percorso d'integrazione di chi, in questi 20 anni, in via Giolitti ha trovato davvero una seconda casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il monopolio di slot machine e scommesse del Re di Roma Nord, smantellato sodalizio dell'ex Banda della Magliana: 38 arresti

  • Il Romanzo Criminale di Primavalle: le confessioni di Abbatino e "Accattone" risolvono 4 omicidi

  • Salvatore Nicitra, il boss con la pensione d'invalidità: così l'ex della Banda della Magliana è diventato il re di Roma Nord

  • Manifestazione contro i vitalizi, Sardine in piazza e Lazio-Inter: bus deviati e strade chiuse nel week end

  • Amazon a Colleferro, ora è ufficiale. 500 posti di lavoro: ecco come candidarsi

  • Incidente in via Tiburtina, scontro tra camion e auto: morto un uomo. Grave il figlio

Torna su
RomaToday è in caricamento