Case abusive, domani la prima demolizione ad Artena: "Senza un tetto 22enne incinta"

Lo denuncia il comitato Equi Diritti che lancia l'allarme: "E' una vera e propria bomba sociale". In totale, sui Castelli Romani, sono in programma circa mille demolizioni. "Ma il numero potrebbe aumentare"

I lavori di demolizione di una casa (Immagine di repertorio Ansa)

La prima demolizione è in programma per domani ad Artena. A pochi giorni dal convegno che a Rocca Priora ha riunito cittadini, consiglieri regionali e sindaci, attorno alla vicenda delle demolizioni delle abitazioni abusive realizzate nell'area dei Castelli a partire dagli anni '90, dovrebbero entrare in azione le prime ruspe. La sentenza di demolizione emessa dal Tribunale di Velletri nel lontano 2006 diventerà di fatto operativa domani con un costo dell'operazione, teoricamente a carico dei diretti interessati, ammonta a oltre 22 mila euro.   

Insorge il comitato Equi Diritti che riunisce cittadini dai diversi comuni. "Era stata sospesa lo scorso 6 Marzo, la demolizione di un abitazione in cui viveva, unitamente al compagno, una giovane 22 enne di Artena, al quarto mese di gravidanza. Nemmeno 15 giorni ed ecco la nuova doccia gelata. Iniziano a dispiegarsi gli effetti della bomba sociale" che chiedono assistenza alloggiativa per le famiglie coinvolte. Il comitato si appella alle istituzioni: "Siamo scettici su come i già delicati equilibri di bilancio dei piccoli Comuni, possano farsi carico di un'emergenza del genere. Intervenga il Consiglio Regionale ma sopratutto intervenga il Governo". 

Tra abusivismo e condoni sui Castelli scoppia la bolla

Tutto è partito da un protocollo d'intesa della durata di tre anni firmato nel giugno del 2015 tra la Regione Lazio e la Procura di Velletri. Un documento siglato dal presidente, Nicola Zingaretti e dal Procuratore, Francesco Prete con l'obiettivo di “agevolare e rendere più veloce l’esecuzione delle sentenze e dei decreti che prevedono la demolizione di manufatti abusivi”. In totale sono circa un migliaio le famiglie coinvolte. Numero che potrebbe lievitare, hanno sottolineato più volte dal comitato, "qualora venissero rigettate le richieste di sanatoria del 2003". 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Ospitateci un "profugo", sicuramente non l'abbatteranno!

  • Rivedetevi "ieri , oggi, domani" di De Sica. Le case abusive vanno abbattute subito.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Derby, pronto il piano sicurezza. Il Questore ai tifosi: "Vigilate insieme alle forze dell'ordine"

  • San Basilio

    San Basilio tra fogne rotte e topi, la presidente: "Ci vuole tempo"

  • Cronaca

    Castel San Pietro Romano, per strada cadavere colpito da proiettili: si indaga per omicidio

  • Ostiense

    Municipio VIII, Pace saluta il M5s: "Innovazione bloccata dal fanatismo ortodosso"

I più letti della settimana

  • Metro C, dal 2 maggio al 27 ottobre chiusura anticipata

  • 25 aprile a Roma, tra manifestazioni ed eventi all'aria aperta. Tutte le informazioni

  • Colombo, il sottopasso Malafede si avvicina: la partenza del cantiere nel 2018

  • Asili nido, il Comune taglia 50 educatrici e assume insegnanti di religione

  • Centocinquanta milioni per la Sapienza: in arrivo nuove residenze, biblioteche e servizi

  • Raggi visita Ostia: "Che eccellenza il Polo Natatorio! Ora giù il Lungomuro"

Torna su
RomaToday è in caricamento