Capannelle, prove di pace dal Campidoglio. Hippogroup: "Di Frongia non ci fidiamo. Trattiamo solo con la sindaca"

Nota dai toni morbidi da parte del Comune di Roma. Hippogroup però replica ancora: "La nota del Campidoglio è un'ammissione di colpevolezza, e contemporaneamente, una nuova presa in giro"

Il Comune di Roma tende la mano ad Hippogroup. Dopo il pesantissimo comunicato dei gestori dell'impianto di Capannelle e l'annuncio dell'avvio dei licenziamenti, il Campidoglio in mattinata ha diramato una nota in cui prova a dare una lettura diversa dei fatti, rendendo pubbliche le richieste di Hippogroup. Toni morbidi che però non trovano pacano risposta nel gestore che ribadisce il proprio punto di vista, attaccando pesantemente il Campidoglio e in particolare l'assessore allo sport Daniele Frongia. 

Scrive il Campidoglio

"L’Amministrazione ed Hippogroup, a dispetto dei toni roboanti e minacciosi dell'ultimo comunicato stampa della società, continuano a lavorare e interloquire seriamente e per via ufficiale. La nota inviata ieri dalla società è ben più conciliante rispetto al comunicato e sottopone all'Amministrazione diversi punti, riportiamo di seguito i principali: la società afferma di non essere in grado di superare l'importo di 66.000 €/anno: Roma Capitale ha infatti chiesto 66.000 €/anno in attesa del pronunciamento giudiziale, lo ricordiamo, promosso da Hippogroup; la società ha presentato istanza ex art. 22 per l'applicazione delle norme transitorie in materia di concessioni: l'istanza è valida e, tramite il soccorso istruttorio, l'Amministrazione l'ha presa in carico e risponderà a breve; la società ha richiesto un canone certo (non a titolo di acconto) e nessun impegno per lavori, a partire dal 1 gennaio 2017 e fino all'indizione del nuovo bando: Roma Capitale non può derogare alla normativa vigente, questa specifica richiesta non è ricevibile".

Riassunto il proprio di vista, nel finale del proprio comunicato il Campidoglio non fa mancare delle stoccate ad Hippogroup: "Stante la evidente e reiterata volontà di Roma Capitale di trovare una soluzione alla questione di Capannelle, così come palesato più volte in tutti questi mesi dalle azioni messe in campo dagli uffici del Dipartimento Sport, si conferma quindi la rinnovata intenzione di accettare ove possibile le proposte della Hippogroup, diffidandola dall’iniziare le procedure di licenziamento e di abbandono dell’impianto come impropriamente dichiarato in queste ore e sollecitandola a riprendere immediatamente le corse".

La replica degli ormai ex gestori è al veleno e sembra chiudere la porta in faccia al Comune di Roma e in particolare all'assessore Frongia: "La nota del Campidoglio è un'ammissione di colpevolezza, e contemporaneamente, una nuova presa in giro. Essendo venuto meno il rapporto di fiducia con l'assessore allo Sport Daniele Frongia e il suo Dipartimento, fatto che ha determinato l'assenza da parte loro, di una leale collaborazione diretta a trovare un'equa soluzione, i colloqui, tecnici e politici, con il Campidoglio potranno proseguire solo direttamente e unicamente con il Sindaco e il suo Gabinetto. Nel merito, nessuna delle contestazioni che Hippogroup muove alla dissennata gestione del dossier Capannelle, da parte dell'Assessorato allo Sport, testimonia la correttezza della nostra posizione".

Continua Hippogroup: "Aggiungiamo che l'istanza ex art 22 è stata presentata il 6 agosto 2018 e la risposta, che per la prima volta otteniamo oggi è un'ulteriore dilazione ingiustificata: essa doveva arrivare definitiva, non interlocutoria come oggi, già in 4 novembre 2018. Attendiamo questa risposta".

Dura la chiusura che conferma gli ormai prossimi licenziamenti: "Per quanto concerne la ridicola diffida a mezzo stampa che il Campidoglio presume di poterci rivolgere la rispediamo al mittente. Siamo noi a diffidare il Comune a interrompere i giochetti politici che vanno avanti da oltre 15 mesi. In assenza di concrete, reali, e amministrativamente valide novità confermiamo l’ineludibile avvio della procedura di licenziamento di tutto il personale conseguente alla riconsegna delle chiavi dell'impianto al Comune cui ribadiamo con forza, spetteranno gli oneri  di sorveglianza, custodia e manutenzione. Le corse, il Campidoglio, se vorrà le potrà far fare a Zetema. Se ci riuscirà".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tutti a casa, ciao ciao, fine della pacchia

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Follia fra Termini e via Cavour: prima la rapina poi con una pala minaccia i passanti

  • Politica

    Frongia verso l'archiviazione, ma all'assessore autosospeso ora manca la fiducia di Raggi e Di Maio

  • Cronaca

    Roma blindata, c'è il presidente della Cina. Strade chiuse al Centro e Parioli

  • Corviale

    Crisi Municipio XI, l'ex consigliera grillina rompe gli indugi: "Voto la sfiducia"

I più letti della settimana

  • Presidente cinese a Roma: dal 21 marzo strade chiuse e una doppia 'green zone'

  • Barberini: la scala mobile si accartoccia, scene di panico. Chiusa la stazione. Il racconto di un testimone

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • Paura a Grottaferrata: bus Cotral finisce in una scarpata. Sette feriti

Torna su
RomaToday è in caricamento