Canili di Roma, il nuovo gestore arriva con la polizia. Ex lavoratori: "Ci stanno cacciando"

Rifugio Agro Aversano, dopo l'assegnazione, oggi si è presentato a Muratella per prendere possesso della struttura. Lavoratori in fermento. Duro attacco al Movimento Cinque Stelle: "La sindaca Raggi non può restare a guardare"

Video in basso dalla pagina facebook "Io Me ne occupo"

I canili di Roma hanno ufficialmente un nuovo gestore. Questa mattina infatti l'azienda assegnataria, Rifugio Agro Aversano, si è presentata a Muratella, accompagnata dalla forza pubblica e da personale del dipartimento Ambiente del Comune di Roma per prendere possesso della struttura che ospita 600 cani. Una mossa attesa ma che ha comunque sorpreso gli ex lavoratori per le modalità.

Sulla pagina facebook "Io me ne occupo" scrivono: "Ci stanno cacciando. Questa mattina il nuovo gestore dei canili comunali, insieme alla questura e al comune di Roma, ci hanno intimato di lasciare il canile. Questa è la democrazia a 5stelle. Questa è la trasparenza e la partecipazione, cacciare i lavoratori".

Una presa in carico che arriva dopo l'ennesimo incontro infruttuoso di ieri. Saranno solo 30 i lavoratori riassorbiti, a fronte degli 80 impiegati in precedenza. E così questa mattina la nuova società ha improvvisato colloqui di lavoro con i singoli lavoratori, "in barba ad ogni prassi sindacale, bypassando tutte le sigle", denunciano dal sindacato Usi. "Approfittano della situazione e della debolezza, per trovare qualcuno disponibile a poter lavorare presso la struttura", spiega ancora il sindacato che annuncia una denuncia penale all'ispettorato del lavoro. 

Sindacati e lavoratori chiedono lo stop del bando, assegnato con un pesante taglio rispetto alla passata gestione. Si passa infatti dai 4 milioni passati all'attuale milione e mezzo. Un taglio che, a detta dei sindacati, avrà ripercussioni sia sui lavoratori, sia sul servizio erogato. Per i fondi disponibili infatti degli 87 lavoratori (tra i due canili) solo 30 potranno essere riassorbiti. "Tra l'altro", spiegano ancora dall'Usi, "non essendo prevista nessuna clausola sociale nel bando, Agro Aversano ha fatto sapere di non avere nessun obbligo a riassorbire i vecchi lavoratori". C'è poi un discorso legato alla qualità del servizio, alle adozioni e alla necessità di ricorrere alle associazioni di volontariato, tutte situazioni che mettono a rischio il funzionamento delle strutture e la salute degli animali. 

Per tutti questi motivi i sindacati e i lavoratori hanno più volte richiesto all'amministrazione pentastellata, nel corso degli incontri, hanno richiesto di sospendere il bando in autotutela, ottenendo in cambio il silenzio. 

Dura la presa di posizione da parte della Federazione USB di Roma. Guido Lutrario: "Il disprezzo manifestato per chi da anni lavora nei canili di Roma dalla assessora all’ambiente, nell’incontro che si è tenuto nel pomeriggio di ieri, ha anticipato l’irruzione della polizia al canile di Muratella di questa mattina. E’ inaccettabile che l’assessora continui a dichiarare che il problema occupazionale non la riguarda e finga di non sapere che solo grazie alla disponibilità di tanti lavoratori licenziati il canile di Muratella ha continuato a funzionare dal maggio dello scorso anno, facendo risparmiare più di 3 milioni al Comune".

“Il rispetto formale delle procedure – prosegue Lutrario – non può essere l’unica preoccupazione che guida l’amministrazione. Il bando sull’assegnazione dei canili presenta delle lacune clamorose poiché alcuni servizi sono stati semplicemente cancellati e molte attività vengono affidate ai volontari".

"E ci sono in ballo decine e decine di posti di lavoro che non devono essere cancellati – ha concluso Lutrario – pensando di sostituire il lavoro con il volontariato. La sindaca Raggi non può restare a guardare. Gli strumenti per affrontare la questione non mancano né ci troviamo di fronte ad una questione irrisolvibile. Basta mostrare la giusta sensibilità ed attenzione verso la gestione di un servizio comunale rilevante ed il rispetto dovuto per chi ha continuato ad assicurare il funzionamento del servizio anche senza stipendio".

Tirata in ballo, come volontaria, dal bando e dai sindacati, Loredana Pronio, presidente di FederFida Onlus commenta: "Sulla validità del nuovo gestore staremo a vedere. E' chiaro che va messo alla prova. Avrà tutti gli occhi puntati addosso ed ovviamente dovrà farci accedere al canile così come prevede il bando". La Pronio, da sempre sostenitrice della gestione diretta dei canili da parte dei comuni, attacca quella che definisce "l'inerzia del Movimento Cinque Stelle che come altri sindaci sta rinunciando ad accudire i propri animali, disinteressandosi del loro benessere e così facendo anche della spesa pubblica".  

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Ma siamo certi che il nuovo gestore è in grado di fornire servizi migliori? Chi è delegato a vigilare sulle condizioni degli animali ospiti a Muratella? Qui sento parlare solo di risparmi, ma sulla pelle di chi? Vogliamo un altro "caso Parrelli"?

  • Mi dispiace per i lavoratori ma cito "“Finalmente è stata debellata una gestione che favoriva lo sviluppo di meccanismi speculativi ed ingiustificatamente lucrativi sulla pelle degli animali proprio da chi avrebbe dovuto tutelarli. La conferma ufficiale è pervenuta al legale del PAE, Avv. Alessio Cugini, ed è stata accolta con grande soddisfazione. Plaudiamo l’audace decisione garantendo il massimo sostegno da parte nostra. Una grande vittoria ma soprattutto una liberazione per gli animali detenuti da sempre in uno stato di costante maltrattamento." dichiara il Presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli Da oltre 15 anni il soggetto privato Avcpp ha gestito il servizio di canili comunali nella totale illegalità, senza avere mai vinto una gara d’appalto ha ricevuto sovvenzioni pubbliche per 60 milioni di euro di cui 48 intascati a titolo di stipendi d’oro mentre ai randagi era destinato solo il 10%. Canili al collasso i cui ospiti detenuti in evidente stato di maltrattamento vedevano raramente l’uscita dalle strutture in quanto merce di scambio per garantire il canone dal medesimo tenore.

    • ma sono cifre da capogiro , chi restituirà queste somme ?

  • Avatar di Vic
    Vic

    Speriamo che la nuova Società migliori la situazione di quei poveri animali che versavano in condizioni pietose....

  • Ma chi ha gestito queste vicende da vent'anni a questa parte ?

  • ma quanti milioni di euro sono stati sprecati sui poveri cani ? Ma L'Anac di Cantone e la Corte dei Conti cosa dicono ? E i poveri lavoratori che hanno diritto da chi andranno ora ? Chi li ha messi in queste condizioni ?

  • Recuperare subito i milioni di euro investiti ( o sprecati ) da vent'anni per tutelare i lavoratori che ne hanno diritto . Ma chi lo dovrebbe fare ? Ci sono indagini in corso no ? E Anac cosa ha detto ?

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Cecchignola: perde il controllo della moto, morto 18enne

  • Cronaca

    Trump a Roma, Capitale blindata: itinerari scelti al momento e "cerchi di sicurezza"

  • Politica

    Alunni disabili, regolamento 5 Stelle per gli Aec: "Verso uniformità dei servizi"

  • Politica

    Piano caldo, stanziati 217mila euro: 250 posti disponibili e assistenza notturna incrementata

I più letti della settimana

  • Quando pioveva e i grillini dicevano: "Marino dimettiti e stura il tombino"

  • Funivia Casalotti: ecco i modelli che hanno ispirato il progetto Raggi

  • "Sono Papa Francesco": il Pontefice a Ostia suona il campanello e benedice le case

  • Raggi, il vento a Roma non sta cambiando: per i romani rifiuti e trasporti sono peggiorati

  • Vaccini, no all'obbligatorietà nelle scuole: M5s boccia proposta Pd. E' polemica

  • Case della Regione in vendita: "Tempi stretti e niente tutele per i più poveri"

Torna su
RomaToday è in caricamento