A Roma Nord arriva una nuova baraccopoli: dovrà ospitare le 120 famiglie del River

Nel Municipio XV e limitrofi si cerca un'area attrezzata, "vicina a scuole e servizi", per l'accoglienza delle 475 persone ospiti del Camping di Tenuta Piccirilli: previsti percorsi di inclusione sociale e lavorativa che portino alla fuoriuscita dal villaggio

A Roma Nord potrebbe arrivare una nuova baraccopoli istituzionale. Il Dipartimento delle Politiche Sociali di Roma Capitale, con una determinazione dirigenziale del 14 giugno scorso, ha infatti indetto una gara a procedura aperta per il reperimento di un’area attrezzata nel territorio del Municipio XV o Municipi limitrofi per l’accoglienza e soggiorno di 120 nuclei familiari di etnia rom, attualmente ospiti nel Campig River di via Tenuta Piccirilli che sembra così destinato a chiudere.

Nel bando anche l'affidamento del servizio di gestione sociale, formazione lavoro e del servizio di vigilanza a favore delle persone accolte, 475 in tutto. Un appalto da 1milione e 270mila euro.

Il concorrente - si legge sul sito di Roma Capitale - dovrà mettere a disposizione un’area attrezzata ubicata nelle vicinanze di scuole, centri abitati servizi socio-sanitari, commerciali, facilmente raggiungibile con l'uso di mezzi pubblici o con mezzi di trasporto privati, comunque in modo tale da permettere, per la comunità attualmente ospite presso il Camping River, la continuità di partecipazione alla vita sociale del territorio, l'accesso ai servizi territoriali e facilitare le visite agli ospiti delle strutture.

"Il termine accoglienza - è specificato nel  Capitolato speciale descrittivo e prestazionale - è inteso nel la sua accezione più ampia, ossia, come promozione, costruzione e realizzazione di percorsi, individuali e di gruppo, di inclusione e di integrazione sociale, sanitaria, lavorativa, abitativa e scolastica, con la comunità locale". Un'accezione che supera l’idea di “area delimitata”, quale, appunto, i grandi spazi adibiti a Villaggi, "che denotano e creano degrado e disagio per coloro che vi risiedono e soprattutto condizioni di marginalità dall’intera comunità".

Le famiglie rom dovranno essere collocate in unità abitative - moduli case mobili, bungalow, completi di arredi, acqua, luce, gas e servizi igienici - "dotate di adeguato confort, basso consumo energetico, presenza di acqua calda e aria condizionata". 

La gestione del servizio avrà due fasi ben distinte. La prima riguarderà appunto l’accoglimento e l’assegnazione dei moduli abitativi sulla base del numero dei componenti del nucleo e della loro necessità; la seconda riguarderà invece l’attivazione di tutti gli interventi previsti nel capitolato di gara, condivisi e accettati dalle persone ospitate, per favorire la loro inclusione sociale e, quindi, la graduale fuoriuscita dall’area attrezzata, attraverso interventi che favoriscano l’innesco di processi partecipativi e plurali di cambiamento, mirati alla fuoriuscita dal villaggio, in vista del superamento dello stesso.

All'interno della nuova area attrezzata di Roma Nord, praticamente una baraccopoli pensata per il superamento dei ghetti istituzionali, dovranno essere inoltre garantite le funzioni di presidio di vigilanza nelle aree adibite a luogo di vita delle comunità.

Al momento nessun indizio sul sito "vicino e ben collegato a scuole e servizi" nel quale potrebbe sorgere la nuova area attrezzata per l'accoglienza dei 475 abitanti  del River di via Tenuta Piccirilli: se toccherà al XV, al XIV oppure al Municipio III lo si apprenderà con sicurezza nelle prossime settimane. Il termine per il ricevimento delle offerte è stato fissato da Roma Capitale alle 12 del 22 agosto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'annosa e delicata "questione rom", con i territori coinvolti a mostrare già ostilità e diffidenza, si avvia così ad essere una delle prime grandi spine nel fianco del Campidoglio a guida Raggi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

Torna su
RomaToday è in caricamento