Residence: "Buono casa in ritardo, famiglie a rischio sfratto"

E' la denuncia del sindacato Unione Inquilini: "Da febbraio sembra che i pagamenti siano stati misteriosamente sospesi"

Sono usciti dai residence destinati a famiglie sfrattate per usufruire del buono casa del Comune. E oggi rischiano di tornare in quell'incubo che li aveva lasciati in mezzo a una strada. “Molti inquilini rischiano di finire sotto sfratto perché il buono casa non viene pagato con regolarità”. La denuncia viene dal sindacato Unione Inquilini che racconta di “inammissibili ritardi” da parte del comune per l'erogazione del contributo. “Il Dipartimento politiche abitative e l’assessorato stanno svolgendo un lavoro notevole e hanno già trasmesso un centinaio di pratiche alla tesoreria, ma da febbraio sembra che i pagamenti siano stati misteriosamente sospesi” spiega il segretario di Unione Inquilini di Roma, Guido Lanciano che chiede al commissario Tronca di intervenire. 

Il buono casa è un contributo economico che varia da 600 a 800 euro al mese a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare. Pensato inizialmente per 'alleggerire' gli ospiti dei costisissimi residence, in vista della loro chiusura, e permettere loro di entrare in appartamenti 'veri', dopo il tramonto degli alternativi Saat, è l'unico strumento rimasto per svuotare le strutture emergenziali. Uno degli ultimi atti della giunta Marino fu proprio quello di renderlo obbligatorio non senza sollevare preoccupazioni e proteste tra gli inquilini. 

La sua erogazione, però, sta presentando dei problemi. E addirittura, secondo quanto riporta il sindacato, alcune famiglie, aiutate dal Comune proprio perché in emergenza, rischiano di essere messe sotto sfratto. “Per colpa della tesoreria de Comune di Roma, i soldi del buono casa non arrivano e alcuni inquilini rischiano già lo sfratto” si legge in una nota. “A chi giova tutto ciò?” si chiede Lanciano. “Senz’altro ai padroni dei residence, che sperano di veder naufragare il 'buono casa' per poter così continuare a lucrare sulla cosiddetta 'emergenza'. Il buono casa non è uno strumento risolutivo, ma va comunque incoraggiato per contribuire a 'normalizzare' un problema, quello della casa, che finora è stato sempre affrontato con strumenti “emergenziali” e scandalosamente dispendiosi”. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • grazie a l intervento del UNIONE INQUILINI per provare questo problema, ma perche in italia no se fanno regolare ci vuole sempre l intervento di qualche persone no ne normale tutto questo..

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esce per stendere i panni e il terrazzo crolla su un garage: ferito 57enne

  • Politica

    Trattenute "ingiuste" e vigili assolti per il Capodanno: "Comune dovrà pagare 3 milioni di euro"

  • Politica

    Ex Gil di Trastevere a luglio torna alla città: sarà uno spazio dedicato alla creatività

  • Cronaca

    Ucciso sul Raccordo, Budroni condannato da morto: la Corte annulla la sentenza

I più letti della settimana

  • L'Anello ferroviario chiuderà alle auto: dal 2018 solo con bonus e pedaggi

  • Da via Cavour alla Togliatti: il M5S lavora a quattro nuove linee di tram

  • All'Eur arriva il gran premio: il Campidoglio dice sì alla Formula E

  • Portonaccio, rivoluzione alla viabilità: apre lo svincolo della tangenziale e arriva la preferenziale

  • Roma Tpl, lavoratori senza stipendi bloccano il servizio: soppresse 43 linee

  • Colombo a 30 e 50 km/h, la politica non decide ed è caos: "Così quei limiti diventano definitivi"

Torna su
RomaToday è in caricamento