Bordoni: "M5s non pervenuto alle elezioni, Pd punito. Ad Ostia Centrodestra unito vincerà"

"Centrodestra a valanga", commenta il coordinatore romano di Forza Italia che guarda già alle prossime elezioni nel X municipio: "Stiamo ragionando sul candidato con Fdi e Noi con Salvini". Scherzando confessa: "Se fosse di Forza Italia sarebbe meglio. La Masi? E' un nome sul tavolo"

"Valanga del centrodestra". Davide Bordoni, coordinatore romano di Forza Italia non ha dubbi nel commentare i risultati dei ballottaggi. Un successo che ridà slancio alla coalizione e al partito, usciti malconci dalle elezioni 2016 quelle del trionfo di Virginia Raggi. Abbiamo sentito il capogruppo in consiglio comunale del Partito di Silvio Berlusconi per commentare i risultati e per ragionare sui prossimi appuntamenti, quello di Ostia su tutti.

Bordoni, partiamo dal dato nazionale. La sconfitta del Pd sembra pesante.
"I cittadini hanno punito il governo del Partito Democratico, che in questi anni ha garantito solamente i poteri forti penalizzando la classe media e le fasce più deboli. 

Il M5s forse è messo anche peggio. 
Il Movimento Cinque Stelle non è pervenuto, l’unico risultato raggiunto è quello di Pizzarotti, cacciato da Grillo, a dimostrazione del fatto che i pochi capaci che hanno al loro interno non trovano spazio. 

Il centrodestra invece? Berlusconi fa ancora la differenza?
Silvio Berlusconi è ancora decisivo, perché è l’unico che riesce a parlare alla testa degli italiani, senza rifugiarsi in discorsi populisti. La sua forza risiede nella fiducia che gli italiani ripongono in lui, un rapporto che gli attacchi ingiusti e feroci di questi anni non sono riusciti ad incrinare. Il Centrodestra unito vince, il messaggio che ci hanno inviato i nostri elettori è chiaro, a Roma non saremo da meno. 

Il primo appuntamento, forse ad ottobre, sarà quello di Ostia. Ci state ragionando?
Da qualche settimana la nostra coordinatrice Maria Cristina Masi sta tenendo delle riunioni con i nostri alleati, Fratelli d'Italia e Noi con Salvini. I rapporti sono ottimi e stiamo ragionando per trovare i giusti equilibri.

Il candidato nel X municipio spetta a Forza Italia?
Si sta ragionando per trovare la persona migliore per un territorio importante per la Capitale. E' un territorio che ha velleità di auotonomia ed è nostro dovere creare le migliori condizioni per avere un candidato di peso. Se sarà di Forza Italia è meglio (ride). 

Nella primavera del 2016 il centrodestra si presentò alle amministrative con 2 modelli. Un anno dopo la triplice alleanza Forza Italia, Lega, Fdi, per intenderci il modello Toti, sembra quello vincente. Con Marchini e la sua lista è escluso ogni dialogo e ogni accordo?
Le elezioni del 2016 ci hanno detto che se andiamo divisi siamo tutti più deboli e perdiamo. Dobbiamo lavorare ad un centrodestra unito e con un programma che affronti i tanti problemi del territorio. Se Marchini e i suoi sposeranno le nostre idee la porta è aperta. 

A settembre scade il mandato della Commissione Straordinaria. Come giudica il loro operato nel X Municipio?
Il Commissariamento oggettivamente ha inciso poco o nulla. Spero che abbia fatto pulizia nella macchina amministrativa. Vedremo quando saremo dentro.

La Raggi ha mandato a supporto Giuliana Di Pillo. Cosa pensa del suo lavoro?
Di Ostia si continua a parlare malissimo. I problemi del territorio sono lì. L'apporto, ammesso che ci sia, è davvero impercettibile. 

Torniamo alle elezioni di ottobre. Ha in testa un identikit per la candidatura?
Intanto spero che le elezioni siano davvero così sicure. La mia impressione è purtropoo diversa. La nostra priorità comunque deve essere quella di scegliere un candidato che conosce il territorio, competente e che abbia grande conoscenza della macchina amministrativa per affrontare le varie emergenze del X municipio. 

Così però sembra escludere un giovane
Io sono diventato presidente a 27 anni. Non è una questione d'età, ma di capacità e di conoscenza del territorio che si vuole andare ad amministrare. Di giovani così ce ne sono e tanti nelle file del centrodestra.

Il nome di Maria Cristina Masi quindi è spendibile?
Certo, è assolutamente tra quelli sul tavolo. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

Torna su
RomaToday è in caricamento