Ostia, Bordoni (Forza Italia): "Città nel caos per il Rally, chiusi centro e lungomare"

"Se si voleva dare spazio al Rally di Roma non si doveva trascurare tutto il resto"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Già negli scorsi giorni avevamo denunciato l’incapacità del X Municipio di valorizzare a pieno il Lido di Ostia proprio al culmine della stagione estiva. Un’incapacità che si manifesta, oltre che nella poca attenzione al decorso urbano e nella pulizia delle spiagge, anche in una progettazione piuttosto carente e poco organizzata della movida notturna. Un lungomare perfetto per ospitare eventi, manifestazioni culturali e concerti serali. Quest’anno però si è preferito puntare tutto sullo show evento del Rally di Roma al costo di paralizzare Ostia. – Così il consigliere Capitolino di Forza Italia Davide Bordoni riguardo al Rally di Roma che ha messo in ginocchio la viabilità del Litorale - Una Città che, come avevamo previsto, da questa mattina si è svegliata con la circolazione del traffico congestionata, caos parcheggi, ed automobilisti in macchina per ore a seguito dei numerosi divieti di transito, sosta e chiusure stradali per consentire lo svolgersi della competizione automobilista. Un evento che sebbene previsto non è stato adeguatamente pianificato, né apportando risorse alla polizia locale né rispettando commercianti e residenti, senza contare l’assenza di un reale incentivo al turismo balneare. Prima di gettare Ostia nel caos si doveva valutare meglio l’impatto della manifestazione sul territorio e se si voleva dare spazio al Rally di Roma non si doveva trascurare tutto il resto. Bisogna capire cosa non ha funzionato e come si è arrivati a stravolgere la viabilità del lido in questo modo, l'Amministrazione se ne assuma la responsabilità e dia le dovute spiegazioni. Così il consigliere Davide Bordoni capogruppo di Forza Italia in Campidoglio e coordinatore romano

Torna su
RomaToday è in caricamento