Vigili urbani al Comune: "Basta liti stradali, dateci le bodycam"

La provocazione del sindacato Sulpl: "A Natale le regaliamo noi ai nostri iscritti"

Una bodycam in dotazione alla polizia di Berlino - Foto Ansa

A Torino e Milano sono arrivate da qualche mese. Ora è Roma a reclamarle e presto potrebbero diventare realtà. Tra qualche mese potremmo vedere a Roma i vigili urbani dotati di body cam, microtelecamere per riprendere quanto accade in servizio. "Siamo pronti a scommetere che così finirebbero tutti i teatrini stradali a cui ci troviamo ad assistere ogni giorno", spiega Stefano Giannini, segretario del Sulpl Roma che ha annunciato l'intenzione di regalare, per Natale, agli associati del sindacato che ne faranno richiesta lo strumento. 

Perché dotare gli agenti della polizia locale di questo strumento? "Si tratta", racconta Giannini, "di un'iniziativa per fare da pungolo all'amministrazione, per stimolare ad un necessario ammodernamento delle dotazioni del corpo. C'è poi una tematica operativa. Ogni giorno infatti siamo impegnati in liti e teatrini con gli automobilisti, ora per una multa, ora per un controllo, ora durante gli incidenti. Spesso veniamo accusati di aggressioni da automobilisti sempre pronti a puntare il dito contro il vigile". 

A Milano 50 telecamerine hanno avuto un costo di 215mila euro. Si tratta di strumenti connessi con la centrale. Per Roma, per ora, il sindacato Sulpl, immagina strumenti più semplici, in grado di stare in un taschino e di registrare fino a sei ore quanto avviene di fronte all'agente. "Il costo è contenuto", aggiuge ancora Giannini. "Con 140 euro se ne compra una. Personalmente l'ho testata ed adempie a pieno la funzione di deterrenza che auspichiamo". 

Sul tema privacy la normativa di riferimento è quella della legge 196/2003 che tutela i dati personali. "La legge è chiara. Se in ambito professionale le forze di  polizia, durante le loro attività, eseguono delle video riprese dei loro interventi, e se ne fanno un uso scrupoloso e diligente, solamente per comprovare le  attività svolte, il fatto che all’interno di queste video riprese vi siano anche volti  e voci di terze persone non può rendere improprie e inutilizzabili tali riprese", spiega Giannini. La cosa importante insomma è che le  video riprese effettuate siano finalizzate alla cristallizzazione dell’intervento di  polizia e di quanto viene fatto e detto dalle persone interessate dall’intervento stesso. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Cosi si possono riprendere gli interni dei BAR...

  • „A Milano 50 telecamerine hanno avuto un costo di 215mila euro.“ Meno male che a Milano c'è Sala come sindaco..... Sti cavoli..4300 euro l'una?!?

  • per i selfie

  • Ma poichè trovare un vigile per strada, che non sia al cellulare o che non stia chiacchierando a roma è come fare un 6 al superenalotto, con queste telecamere che ce dovete fa?

  • Dopo che hai filmato un pluripregiudicato o una risorsa che inveisce contro un vigile cosa hai risolto ? Se non si cambiano le leggi i problemi non si risolvono. Certezza della pena, costo zero resa massima.

    • Eh, sarebbe bello, ma purtroppo la certezza della pena, sebbene auspicabile, non è a costo zero, anzi, il costo è molto elevato. Basta pensare al sovraffollamento attuale delle carceri. Io sono da sempre dell'idea che se ne dovrebbero costruire di nuove, con un investimento che nel tempo si ripagherebbe da solo in termini di sicurezza delle persone, sia dentro che fuori dalle carceri stesse. Inoltre ci sarebbe l'incremento dell'occupazione sia durante la costruzione che una volta operative. Insomma, certezza della pena a ogni costo, io sono favorevole.

    • Però è un sistema per tutelarsi, pensa ad una lite che magari finisce male anche con un morto anziché cercare testimoni basterebbe rivedere le immagini della bodycam. Le leggi andrebbero riviste in senso negativo ovvero tagliandole, il problema dell’Italia è la certezza della pena.

Notizie di oggi

  • Politica

    Minacce di morte e insulti su Facebook a Ilaria Cucchi: "Ho paura per me e la mia famiglia"

  • Tor Bella Monaca

    Ambulatori da strada: il VI Municipio chiude Medicina Solidale, centro supportato anche da Papa Francesco

  • Cronaca

    Travolto da un armadio: morto un bambino di 6 anni

  • Settecamini

    Dentro Villa Drina, il centro d’accoglienza pronto ad ospitare 25 migranti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare: ecco quando spostare le lancette indietro di un'ora

  • Corteo da piazza della Repubblica a San Giovanni: sabato 20 ottobre strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e auto, morto 51enne

  • Tor Bella Monaca, paura in strada. L'allarme dei residenti alla polizia: "Correte si stanno sparando"

  • Portuense: i passanti si accorgono della rapina in banca e il colpo fallisce. Caccia alla banda del buco

  • "Italia a 5 Stelle" al Circo Massimo il 20 e 21 ottobre: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento