Appalti per il Giubileo, bloccata dall'Anac la prima gara

La gara bloccata riguarda i lavori di manutenzione di via delle Mura Latine e via di Porta Ardeatina. Pucci e Sabella: "E' la prova che i sistemi funzionano"

Il presidente dell'Anac Cantone (Foto Infophoto)

E' stata bloccata ieri dall'Autorità anticorruzione il primo appalto del Giubileo. L'aggiudicazione parziale della gara effettuata dal Comune lo scorso 9 ottobre è stata sospesa ieri in esecuzione dei controlli previsti dal Dpcm del 27 agosto 2015 che assegna all'Anac compiti di sorveglianza sugli appalti del Grande Evento. A rimanere coinvolti gli stessi imprenditori che questa mattina sono stati arrestati dai carabinieri. Anche in questo caso si tratta di manutenzione stradale. In particolare per i lavori di via delle Mura Latine e via di Porta Ardeatina. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'anticorruzione ha scoperto che le due società avevano presentato l'offerta, tacendo i rapporti esistenti tra le due ditte, hanno di fatto posto in essere un 'cartello'. Da qui il parere contrario del presidente dell'Anac Raffale Cantone. 
 
“La vicenda odierna costituisce la prova inequivocabile che i nuovi sistemi di controllo interno di cui si è dotata Roma Capitale, per iniziativa innanzitutto del sindaco, e la stretta collaborazione con Anac e con l'autorità giudiziaria, funzionano" il commento degli assessori ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci e alla Legalità, Alfonso Sabella. "A Roma non c'è più spazio per le vecchie logiche spartitorie e per illecite distorsioni delle pubbliche procedure in favore di interessi privati”.
 
“Quanto alla gara per i lavori di via delle Mura Latine e via di Porta Ardeatina" spiegano Pucci e Sabella "la stretta collaborazione con ANAC ha permesso all'Amministrazione di individuare tempestivamente, grazie anche al sistema Siproneg, una possibile falsa attestazione da parte delle imprese Trevio e Malu circa l'assenza di collegamenti tra loro e dunque di sospendere l'aggiudicazione provvisoria della gara. Del resto, proprio in relazione al cartello di imprese riconducibili al Martella e al Ferrari, Roma capitale aveva già, lo scorso 13 aprile 2015, trasmesso una formale denuncia alla Procura di Roma". Poi hanno concluso: "Giusto ieri, ancora si è provveduto a convocare per oggi alle ore 12,00 il legale rappresentante della Trevio al fine di fargli rendere eventuali controdeduzioni e procedere all'esclusione dalla gara. La ditta Trevio è stata esclusa dalla procedura e oggi stesso si provvederà ad assegnare l'appalto all'avente diritto così da avviare speditamente il cantiere”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento