Bimbo Rom Morto, Ciardi: "Dobbiamo avere solo campi attrezzati"

"Costernati da Incidente, nomadi pensino di più alla sicurezza dei figli"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

"Il gravissimo incidente avvenuto oggi presso il campo tollerato di Tor De Cenci ci riempie di tristezza e ci rende costernati. Nello stringerci alla famiglia e al suo dolore, vogliamo riaffermare il nostro impegno a voler cancellare dalla città quelle realtà critiche che non assicurano le giuste condizioni di vita a chi risiede in quei contesti". Lo afferma in una nota il delegato alla sicurezza del Comune di Roma Giorgio Ciardi. "I campi tollerati, eredità delle passate amministrazioni, pur avendo un minimo di infrastrutture in più rispetto agli insediamenti abusivi, non possono garantire la sicurezza dei soggetti più deboli - prosegue Ciardi - una condizione inaccettabile per una città come Roma, che non è disposta a tollerare che simili realtà si continuino a perpetuare.

L'amministrazione di Roma Capitale guidata dal Sindaco Alemanno procederà dunque nel lavoro intrapreso su questa vicenda e procederà nel trasferimento di Tor de Cenci presso un campo attrezzato di nuova concezione dove sarà possibile garantire migliori standard di vita agli occupanti, andando oltre le condizioni precarie nelle quali per troppo tempo i nomadi hanno vissuto nel passato". "Questo obiettivo, tuttavia, si potrà realizzare solo in piena sinergia con le stesse comunità rom, che devono essere consapevoli del fatto che la tutela dei loro figli, prima istanza di tutti i genitori, passa per l'adozione di stili di vita e comportamenti nuovi e corretti, a partire anche da una rinnovata consapevolezza della necessità di rispettare le regole per la tutela della sicurezza domestica, prima istanza fondamentale a garanzia dell'incolumità degli abitanti".

Torna su
RomaToday è in caricamento