Bilancio, le proposte del Pd: taglio ai costi dello staff e più soldi ai municipi

Il gruppo capitolino del Pd ha presentato i suoi emendamenti e ordini del giorno per "arricchire" la manovra economica: "Sono cambiamenti a saldo invariato"

“Un modo per arricchire una proposta che condividiamo”. È il capogruppo del Partito democratico in Campidoglio Francesco D'Ausilio a introdurre la presentazione degli emendamenti e dei 4 ordini del giorno tesi a “migliorare” il bilancio previsionale 2014 in discussione in Aula Giulio Cesare, illustrati questa mattina in una conferenza stampa presso la sede dei gruppi consiliari in via della Vergini. Maggiori risorse ai Municipi (8 milioni), un piano straordinario contro le buche (5 milioni), più soldi alle istituzioni culturali cittadine (1,2 milioni), modifiche al contributo di soggiorno. Questi i principali punti su cui il Partito democratico cittadino vorrebbe intervenire in merito alla manovra economica. “Cambiamenti a saldo invariati per a nostro avviso migliorerebbero il provvedimento senza pesare ulteriormente sulle risorse a disposizione”. Oltre a D'Ausilio erano presenti il vicecapogruppo Giulia Tempesta, il coordinatore della maggioranza, Fabrizio Panecaldo e i presidenti di commissione Alfredo Ferrari (Bilancio), Gianni Paris (Roma Capitale e Riforme istituzionali), Erica Battaglia (Politiche sociali) e Athos De Luca (Ambiente).

GLI EMENDAMENTI – Per quanti riguarda i Municipi la richiesta è quella di un aumento delle risorse per circa 8 milioni di euro, 535 a Municipio. Di questi 267 mila euro sono da destinare alla manutenzione stradale mentre 267 mila per gli alunni con disagio (Aec). Altri fondi anche alla manutenzione straordinaria delle strade intermunicipali, circa 5 milioni di euro, mentre 3 milioni di euro sono da destinare a un piano straordinario delle potature. E ancora. Il Pd romano chiede un aumento del contributo per l'Azienda speciale Palaexpo (500 mila euro), per il Teatro di Roma (300 mila euro) e Macro (400 mila euro). Infine l'aumento della quota che dal contributo di soggiorno viene reinvestita su arredo urbano, decoro e promozione turistica: dal 5% al 10%. Per quanto riguarda la Cosap (la tassa di soggiorno) l'obiettivo dei democratici è però quello di lavorare a una riforma complessiva del contributo di soggiorno in sede di assestamento di bilancio. Spiega D'Ausilio: “Questa risorse sono state trovate 'spostando' i costi dell'illuminazione pubblica, Roma paga tre volte tanti altre città italiane, da un risparmio sull'appalto delle mense e infine dal costo dell'informatica, dove l'amministrazione spende troppo e male”. Tutte risorse che sono state reperire anticipando “le correzioni ai costi standard che verranno introdotti dal Salva Roma”.

TAGLIO AI COSTI DELLO STAFF – L'ultimo degli emendamenti riguarda il taglio ai costi dello staff per circa 2 milioni di euro (1,8 milioni di euro per la precisione). Questi soldi andrebbero reinvestiti nel sociale 600mila euro alle case famiglia per disabili, 350mila alle case famiglia per minori, 770 alla legge nazionale 285 per progetti per l'infanzia e l'adolescenza. Un provvedimento che non vuole avere il sapore di “una ritorsione o di una polemica ma che punta a richiamare tutti al senso di responsabilità che ci richiede questo momento difficile” specifica D'Ausilio.

ORDINI DEL GIORNO Quattro invece gli ordini del giorno presentati: rivedere le esenzioni e le detrazioni sulle principali tariffe e contributi; un piano straordinario di alienazione del patrimonio immobiliare comunale disponibile ed Erp e nuovo modello di gestione; avviare il decentramento con l'istituzione di una tesoreria in ogni Municipio e in materia di contratti di servizio con le aziende di Roma Capitale, di tesoreria e di gestione extra gettito delle entrate; infine l'efficientamento e risparmio energetico sull'edilizia pubblica, gli uffici comunali e l'illuminazione pubblica, con l'adozione di "tecnologie efficienti per mettere al prossimo bilancio 40 milioni di euro, risparmiando sull'attuale contratto da 80 milioni all'anno con Acea".

OBIETTIVO STABILITA' – L'obiettivo espresso questa mattina dagli esponenti democratici non è solo quello di “arricchire” il bilancio previsionale 2014 ma creare le condizioni per guardare al futuro. Se Per Gianni Paris presidente della commissione Roma Capitale e Riforme istituzionali si tratta di “iniziare a ragionare nell'ottica del decentramento e del fatto che dal gennaio prossimo entrerà in vigore la città metropolitana”, il presidente della commissione Bilancio ha esposto la necessità di elaborare “tasse e tariffe eque". L'impegno che si vuole prendere il Pd è quello di “rimodulare il sistema tariffario in sede di assestamento di bilancio”. Come? “Con una lotta all'evasione, una reinternalizzazione del servizio di riscossione e un potenziamento di Aequaroma”. Obiettivo: ritrovare la certezza delle entrate. Per quanto riguarda l'Irpef, il Pd propone l'esenzione fino alla soglia di reddito dei 12mila euro tramite l'efficientamento all'interno dei capitoli di spesa; sulla Tasi, destinare una percentuale del gettito direttamente ai Municipi per i servizi indivisibili e creare un albo municipale delle piccole aziende a cui poter appaltare gli interventi immediatamente cantierabili. In merito al contributo di soggiorno, la revisione voluta dal Partito democratico prevede la destinazione del 10% del gettito alla ecosostenibilità degli alberghi, per la valutazione dello stato degli impianti meccanici, interventi di energy saving e una nuova visione della sanificazione ambientale, non più a chiamata ma come parte programmabile della manutenzione. Infine il risparmio energetico. Spiega il presidente della commissione Ambiente Athos De Luca: “Un programma straordinario di efficentamento dei nostri edifici permetterebbe risparmi considerevoli, meno inquinamento e la creazione di numerosi posti di lavoro per le piccole e medie imprese romane”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento