Berdini spacca il movimento, è giallo sulle dimissioni dell'assessore

L'assessore ha smentito sostenendo di non essere a conoscenza della riunione che si sarebbe tenuta per decretare il ritiro delle deleghe. Sindaca Raggi in silenzio

Foto Ansa

La sindaca Virginia Raggi e il suo 'cerchio magico' pronti a scaricare l'assessore Paolo Berdini? Il punto di domanda resta d'obbligo. La notizia viene diffusa in mattinata dall'agenzia AdnKronos: la decisione sarebbe stata presa nel corso di una riunione che si è tenuta lunedì sera tra la sindaca e i suoi più stretti collaboratori. Una riunione, mai confermata ufficialmente da nessuno dei diretti interessati, al quale l'urbanista non avrebbe preso parte. Non sapeva nulla dell'incontro e ne è venuto a conoscenza mezzo stampa, avrebbe detto interpellato a riguardo. 

Una riunione segreta da non divulgare? Un giallo politico ancora da chiarire? Non è una novità che una parte del Movimento cinque stelle non abbia mai visto di buon occhio Paolo Berdini, urbanista di lungo corso, prestato alla causa del Movimento cinque stelle nella capitale. Il più indipendente degli assessori che più volte non ha esitato ad esprimere opinioni diverse rispetto alla giunta pentastellata e alla stessa sindaca. Accadde con le Olimpiadi ma anche sulla vicenda delle Torri dell'Eur o sullo Stadio della Roma che durante l'amministrazione Marino si era scontrato con un netto 'no' da parte degli eletti del M5S. Fonte di discussione sarebbe stata anche quest'ultimo progetto: da un lato Berdini che ha scelto una strada un po' più intransigente, nel tentativo di ridurre al minimo le cubature, "si allo stadio, no alle torri" per sintetizzare; dall'altro l'orientamento che vorrebbero tenere altri dentro alla maggioranza, a partire dal vicesindaco Daniele Frongia che sul progetto ha sempre tenuto una linea più morbida. 

Secondo AdnKronos la maggioranza sarebbe pronta a procedere al ritiro delle deleghe. Intenzioni che però non ha trovato alcuna conferma ufficiale. "Che c'è malcontento è risaputo. Di riunioni non ne so nulla" le parole del presidente della commissione capitolina Sport Angelo Diario interpellato da Askanews. "Non so di nessuna riunione, nel caso io non c'ero", assicura ridendo il presidente della commissione Mobilità Enrico Stefàno. "Non mi risulta nulla del genere" ha aggiunto il capogruppo M5S Paolo Ferrara. "La notizia è infondata, parola dello stesso assessore Berdini", sottolinea il presidente della commissione Bilancio Marco Terranova. 

Nessuno, compresa la sindaca, ha ancora ufficializzato una posizione a riguardo. E del resto, se da un lato è vero che la notizia di malumori nella maggioranza verso le scelte di Berdini esistono da tempo, è anche vero che chi ha avuto la possibilità di parlare con l'assessore negli ultimi tempi sa benissimo che non ha nessuna intenzione di dimettersi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo i consiglieri. Sul terreno dell'urbanistica è in fibrillazione anche la 'base', convogliata prevalentemente in quel tavolo di coordinamento formato da esperti e attivisti che da anni lavorano nel Movimento. Una base del tutto insoddisfatta dei risultati dei primi mesi di governo pentastellato sul tema che non rispecchierebbe il programma elaborato insieme e con il quale sono state vinte le elezioni. Il dito, più che verso Berdini, in questo caso è puntato verso la commissione competente presieduta dalla presidente Donatella Iorio, che non avrebbe elaborato quelle chiare linee di indirizzo necessarie a guidare l'operato dell'assessorato alla realizzazione del programma e che non si sarebbe confrontata abbastanza con la base. Sulla vicenda, silenzio da parte della sindaca Raggi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento