Migliaia di fiori nelle strade del centro, i Cinque Stelle festeggiano: "Roma è la città delle begonie"

Quattromila cinquecento begonie in via Veneto. Altre 800 sistemate in piazza Venezia. I grillini riscoprono la passione per i fiori. Diaco:” A volte basta un fiore per ricordarci di quanto siamo fieri di vivere qui”

C’erano una volta i ciclalmini sulla Colombo. Vennero sistemati a migliaia negli spartitraffico, insieme a piantine di salvia e rosmarino, tra le Mura Aureliane e l’Eur. L’iniziativa, risalente all'inverno del 2018, venne lanciata con grande enfasi sulle pagine social dell’amministrazione cittadina.

Il giardino d'Europa

Per l’allora assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari servivano per “trasformare Roma in un giardino”. I fiori però, una volta terminato la loro stagione, non sono stati sostituiti. E tra i Jersey di cemento, più che un giardino, si è creata una piccola selva metropolitana. Ora è il turno delle begonie.

La Capitale delle begonie

“Migliaia di fiori multicolore"  ha annunciato il presidente della commissione Ambiente Daniele Diaco sono stati  "messi a dimora in due luoghi iconici, per festeggiare la bellezza e l’orgoglio della Capitale”. Come si apprende dalla pagina facebook del consigliere pentastellato “in Veneto. “ben 4500 begonie sono state poste lungo i marciapiedi, ad accompagnare le passeggiate di cittadini e turisti da Porta Pinciana a via Boncompagni”. Non solo. Per incantare i romani ed i visitatori con i colori ammalianti  della pianta, d'origine tropicale,  “a piazza Venezia le cui aiuole risalteranno con altre 800 begonie”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Roma celebrata dai fiori

Il nuovo capitolo che sancisce la ritrovata passione tra rappresentanti pentatellati e le essenze floreali, ha un sapore particolare. “Roma è la città delle begonie” ha dichiarato Daico nel sottolineare che e piantine, sistemate “come tante piccole coccarde all’indomani del lockdown acquistano per tutti noi un significato profondo e speciale”. Al di là del richiamo al nuovo Coronavirus ed alla quarantena che anche i romani hanno dovuto affrontare, c’è un altro aspetto che viene rimarcato. “A volte basta un fiore per ricordarci di quanto siamo fieri di vivere qui”. Una dichiarazione d’amore verso la città che però testimonia anche la passione dei grillini, nella capitale col più imponente patrimonio arboreo d’Europa, per i ciclamini e le begonie. In attesa che l'amministrazione cittadina tiri fuori dai cassetti il regolamento per il verde, il Campidoglio riscopre la passione per i fiori. E' già qualcosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento