Emergenza Termini, si torna agli anni '70: barriere per l'accesso ai binari

Barriere ai binari, più agenti in divisa, cartelli e video con la scritta "State attenti". Marino: "Da gennaio a luglio 170 arresti". E Pecoraro promette: "Aumenteremo gli uomini"

"La stazione Termini è una latrina a cielo aperto". Le parole più dure contro il principale scalo di Roma le ha usate questa mattina l'ex prefetto Achille Serra. Parole senza appello, pronunciate nel corso dell'intervista a Radio Roma Capitale, nel giorno del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza svolto nella sede della Polfer. Un incontro dal quale sono emerse novità importanti per rendere un po' meno "latrina" la stazione più grande d'Italia. Barriere ai binari, più agenti in divisa e cartelli per sensibilizzare gli utenti: questi i provvedimenti che verranno adottati.

Così dopo Santa Maria Novella a Firenze anche alla stazione Termini di Roma arrivano le barriere d'accesso ai binari per consentire l'ingresso solo a chi ha il biglietto. Ad annunciarlo è il sindaco Ignazio Marino al termine dell'incontro. "Abbiamo stabilito", ha spiegato il sindaco, che dovranno essere rimesse le barriere che c'erano fino alla fine degli anni '70, inizio '80 per l'accesso ai binari. In questo modo solo chi ha il biglietto puo' accedere ai treni".

Marino ha anche rivelato che si è ipotizzato "di favorire la nascita di cooperative che possano intervenire per il trasporto dei bagagli e quindi una nuova attivita' professionale che potrebbe svilupparsi all'interno della stazione".

Tocca poi al prefetto Pecoraro annunciare l'aumento degli uomini presenti in stazione: "C'è una volontà comune - ha detto il prefetto - di portare a soluzione le problematiche ferroviarie dello scalo in modo rapido e incisivo. E' prevista una riorganizzazione dei servizi con piu' uomini in divisa perche' e' importante che la gente avverta la presenza delle forze dell'ordine ma, in quest'ottica, mi auguro che una grossa mano ci possa arrivare anche dalla vigilanza privata". Sulla creazione di barriere di accesso ai binari il prefetto ha aggiunto che questi aspetti tecnici "dovranno essere risolti in tempi brevi sentendo anche la sovrintendenza perche' l'obiettivo e' dividere la parte commerciale dello scalo da quella del servizio pubblico".

Per quanto riguarda le Ferrovie dello Stato si procederà all'installazione di cartelloni in otto lingue con consigli e avvertimenti. Ci saranno inoltre video per allertare i passeggeri sui pericoli in cui possono incorrere all'interno della stazione.

Nel corso dell'incontro sono anche emersi i numeri degli arresti. A fornirli al termine dell'incontro il sindaco Marino: "Dall'inizio di quest'anno la Polizia Ferroviaria e le altre forze dell'ordine hanno arrestato 170 persone".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento