Qualità dell'aria, dalla Regione 5 milioni di euro ai comuni del Lazio

Tra le misure finanziabili semafori intelligenti, corsie preferenziali bike sharing

Immagine di repertorio

Un bando per sostenere le amministrazioni comunali per interventi  di tutela ambientale connesse al miglioramento della qualità dell’aria nei rispettivi territori. Al via la nuova misura della Regione. La dotazione finanziaria complessiva dell’avviso ammonta a 5.180.000,00 euro e vi possono accedere i Comuni del Lazio ricadenti nelle classi 1 e 2 della nuova zonizzazione della qualità dell’aria nel territorio regionale.

Spiega Mauro Buschini, assessore all’Ambiente: “Con questa misura possono essere incentivati interventi di Mobilità sostenibile (ad esempio sostituzione vecchi veicoli pubblici e scuolabus con nuovi ad alimentazione elettrica, ibrida, metano o gpl); installazione di semafori intelligenti; realizzazione e/o automazione di ztl e corsie preferenziali; installazione di dispositivi di ricarica di veicoli elettrici; realizzazione di interventi car o bike sharing; realizzazione di piste ciclabili o messa in sicurezza di quelle già esistenti; realizzazione di rotatorie. Possono essere altresì agevolate azioni di efficienza energetica finalizzate alla riduzione delle emissioni inquinanti causate da combustibili fossili per il riscaldamento ed il raffreddamento degli edifici pubblici incluse scuole e case comunali (sostituzione di sistemi di calore alimentati a gasolio con sistemi a ridotte emissioni, eventualmente abbinati a collettori solari termici; impianti di teleriscaldamento e teleraffreddamento; interventi di metanizzazione). Infine, possono essere sostenuti interventi di sistema, sia attraverso incentivi alla piantumazione di specie vegetali con proprietà di assorbimenti degli inquinanti, che azioni di elaborazione di piani del traffico, anche del traffico merci, interventi di educazione e sensibilizzazione della cittadinanza, programmi educativi per i giovani e altro ancora”. 

Il contributo massimo concedibile è pari a 350 mila euro per i comuni con più di 30 mila abitanti, 200 mila per popolazione da 15 a 30 mila abitanti, 100 mila per popolazione tra 7.500 e 15 mila abitanti, ed infine 50 mila euro per comuni con meno di 7.500 abitanti. Possono partecipare anche comuni in forma aggregata se confinanti territorialmente, con applicazione della soglia di popolazione più favorevole rispetto a quella dei massimali del contributo.

La presentazione della domanda deve avvenire esclusivamente per via telematica mediante invio dei progetti a mezzo di posta certificata alla casella PEC val.amb@regione.lazio.legalmail.it , a partire dalla data di pubblicazione dell’Avviso sul BURL e non oltre il 30 marzo 2018.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • "Aperti per ferie", l'estate del Mercato Contadino Castelli Romani

I più letti della settimana

  • La figlia non risponde al telefono da due giorni, chiamano i carabinieri e la trovano morta

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Autobus in fiamme a piazza Cantù. I testimoni "Abbiamo sentito due esplosioni"

Torna su
RomaToday è in caricamento