Operazione decoro del Campidoglio: "Entro l'anno via le bancarelle dal Centro storico"

Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale della città sono gli obiettivi del piano di riordino approvato in giunta

Immagine di archivio

Operazione decoro ai nastri di partenza. Obiettivo? Tutelare e valorizzare il patrimonio culturale della città e per farlo devono essere eliminate le bancarelle dalle zone di maggiore pregio. È stato approvato in giunta capitolina lo schema di protocollo d’intesa tra Roma Capitale, Regione Lazio e Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che prevede, per ciascun ente, di procedere al dimezzamento delle postazioni censite dopo un attento lavoro di verifica e valutazione nei sette ambiti territoriali individuati.

I luoghi culturali che subiranno il riordino degli spazi 

Sono sette le aree individuate che subiranno un riordino degli spazi: area archeologica centrale, Circo Massimo, Tridente; per proseguire con Piazza Navona - Piazza della Rotonda/Pantheon; e ancora con San Pietro - Borgo - Conciliazione - Sant’Angelo - Risorgimento; anche la zona di Termini - Repubblica - Castro Pretorio - Esquilino - San Giovanni sarà interessata dal riordino. Infine non mancheranno le zone di Gianicolo - Villa Borghese - Pincio; e ancora Testaccio - Trastevere; per finire con Caracalla - Cave Ardeatine - Ostiense - Appia Antica. Il prossimo passo è l’approvazione da parte della Regione Lazio e del MIBAC, di delibere analoghe in modo da rendere concrete le determinazioni assunte finora.

Raggi: "Vogliamo che lo splendido patrimonio della città venga valorizzato"

“Procediamo a passo spedito verso l’attuazione del piano di riordino della città per garantire decoro al centro storico della Capitale e nelle aree di pregio, siamo certi che riusciremo a ricollocare le attività commerciali non compatibili, in collaborazione con tutte le categorie coinvolte. Vogliamo che lo splendido patrimonio della città venga valorizzato” ha dichiarato Virginia Raggi, sindaca di Roma.

La cabina di regia in supporto ai municipi per individuare nuove aree 

Una cabina di regia composta dalle strutture e uffici dell’Amministrazione centrale e dei Municipi coinvolti avrà lo scopo di velocizzare il lavoro e attuare in tempi rapidi il piano di riordino. La prima riunione è convocata per l’11 settembre e la conclusione dei lavori è fissata entro la fine del 2019. “La cabina di regia come supporto ai municipi che non hanno ancora individuato le aree per i posteggi alternativi e per accelerare i processi di ri-localizzazione perché il decoro è un tema prioritario e non possiamo perdere tempo”, ha affermato Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento