Caso scontrini: la Cassazione assolve l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino

Marino era stato condannato a due anni dai giudici per peculato e falso in merito ad cinquantina di cene pagate attraverso l'utilizzo della carta di credito che gli fu rilasciata durante il suo mandato dall'amministrazione capitolina

Ignazio Marino è stato assolto dalla corte di Cassazione per il 'caso scontrini'. Finisce così davanti ai giudici della VI sezione penale la vicenda processuale che ha portato alla caduta dell'ex sindaco di Roma nell'ottobre 2015. 

Gli ermellini hanno annullato senza rinvio la sentenza di condanna di secondo grado "perché il fatto non sussiste". Il ricorso in Cassazione era stato presentato da Marino dopo la condanna avvenuta solo nel secondo grado di giudizio

In primo grando infatti l'ex sindaco di Roma era stato assolto da tutte le accuse. Marino era stato condannato a due anni dai giudici della terza sezione della Corte d'Appello di Roma solo l'11 gennaio dello scorso anno.

Oggetto del procedimento per peculato e falso erano una cinquantina di cene pagate attraverso l'utilizzo della carta di credito che gli fu rilasciata durante il suo mandato dall'amministrazione capitolina.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

Torna su
RomaToday è in caricamento