Caso scontrini: la Cassazione assolve l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino

Marino era stato condannato a due anni dai giudici per peculato e falso in merito ad cinquantina di cene pagate attraverso l'utilizzo della carta di credito che gli fu rilasciata durante il suo mandato dall'amministrazione capitolina

Ignazio Marino è stato assolto dalla corte di Cassazione per il 'caso scontrini'. Finisce così davanti ai giudici della VI sezione penale la vicenda processuale che ha portato alla caduta dell'ex sindaco di Roma nell'ottobre 2015. 

Gli ermellini hanno annullato senza rinvio la sentenza di condanna di secondo grado "perché il fatto non sussiste". Il ricorso in Cassazione era stato presentato da Marino dopo la condanna avvenuta solo nel secondo grado di giudizio

In primo grando infatti l'ex sindaco di Roma era stato assolto da tutte le accuse. Marino era stato condannato a due anni dai giudici della terza sezione della Corte d'Appello di Roma solo l'11 gennaio dello scorso anno.

Oggetto del procedimento per peculato e falso erano una cinquantina di cene pagate attraverso l'utilizzo della carta di credito che gli fu rilasciata durante il suo mandato dall'amministrazione capitolina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Raggi: stop a tutti i concorsi pubblici a Roma

  • Tragedia nella Metro A, morto un uomo investito da un treno alla stazione Manzoni

  • Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio per 24 ore: tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma: domenica 23 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Via Pontina, precipita con la Smart dalla rampa e muore sul colpo. Gli amici lo ricordano sui social

  • Domenica blocco auto a Roma: chi può circolare domani 23 febbraio

Torna su
RomaToday è in caricamento