Assistenti sociali, si apre il confronto con il Comune: i sindacati sospendono lo sciopero

Niente braccia incrociate per assistenti sociali e personale del Dipartimento il 21 marzo, Cgil e Cisl: "Lavoratori pretendono concretezza e tempi certi"

I sindacati hanno sospeso lo sciopero degli assistenti sociali e del personale del Dipartimento politiche sociali inizialmente indetto per giovedì 21 marzo. 

“Abbiamo ottenuto impegni scritti da parte dell’amministrazione per discutere e risolvere la vertenza entro il 15 di aprile" - hanno fatto sapere Marco d’Emilia, Fp Cgil Roma e Lazio, e Giancarlo Cosentino, Cisl Fp Roma Capitale Rieti.

Sospeso lo sciopero degli assistenti sociali

Una mobiloitazione lanciata per denunciare le condizioni di lavoro "insostenibili" tra compiti e mansioni crescenti, responsabilità e scarsa sicurezza con i lavoratori, avevano denunciato i sindacati, sottoposti anche al rischio di aggressioni. 

Ieri con gli assessori al Sociale, Laura Baldassarre, e al Personale, Antonio De Santis, la firma del documento che dà avvio ai cinque tavoli che dovranno definire le soluzioni sulle criticità denunciate. 

Dalle assunzioni alla reperibilità, passando per sicurezza, compiti e funzioni degli assistenti sociali. 

Troppe mansioni e poco personale, scioperano gli assistenti sociali di Roma: "Manca pure sicurezza"

Cinque tavoli per dare risposte agli assistenti sociali di Roma

“Dopo l’esame approfondito delle tematiche poste - si legge nel documento condiviso - si dà atto dell’urgente necessità di predisporre un serrato calendario di incontri finalizzato a trovare soluzioni concrete che possano permettere un corretto impiego professionale del personale dei servizi sociali municipali e di tutto il personale del Dipartimento, finalizzando le iniziative da assumersi per una una adeguata erogazione dei servizi".

Da qui,  in ragione dell’apertura del confronto, la sospensione dello sciopero proclamato per il 21 marzo fino all’esito degli incontri stabiliti "che dovranno trovare comunque conclusione entro il 15 aprile 2019, data in cui le organizzazioni sindacali si riservano di decidere la definitiva valutazione”.

I sindacati: "Per i lavoratori concretezza e tempi certi"

“E’ solo il primo passo - concludono D’Emilia e Cosentino - I lavoratori pretendono concretezza e tempi certi. Il confronto dovrà portare soluzioni effettive per mettere i lavoratori in condizioni di operare al meglio e far funzionare correttamente i servizi sociali della Capitale. Se entro metà aprile non ci saranno i risultati attesi, siamo pronti a scendere in piazza”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento