Uno vale ancora uno: "Noi ignorati dalla Raggi il 4 marzo alziamo la voce"

I tavoli di lavoro tematici della capitale stanno organizzando un'assemblea plenaria per il 4 marzo all'Hotel Cicerone. "Dopo le elezioni, gli incontri con i portavoce sono stati praticamente nulli"

La manifestazione del Tavolo dell'Urbanistica di martedì (ANSA/ VINCENZO TERSIGNI)

Se non si può parlare di una vera e propria 'rivolta', il clima che si respira è quello di una spaccatura. Una distanza, che in circa otto mesi di governo della capitale si è creata tra i 'portavoce' eletti e la cosiddetta 'base' del Movimento cinque stelle capitolino. Soprattutto con quei tavoli di lavoro tematici che per anni hanno lavorato ai diversi dossier cittadini, "collaborando con i consiglieri all'opposizione di Marino", fino a "costruire il programma con cui Virginia Raggi ha vinto le elezioni", e oggi non si sentono coinvolti nell'azione amministrativa. Il malcontento che è cresciuto nelle ultime settimane confluirà sabato 4 marzo in un'assemblea generale, convocata per le 15, a cui parteciperanno tutti i tavoli romani. Non solo quello all'Urbanistica, che martedì ha fatto parlare di sé per un'azione in Campidoglio con la quale è stato chiesto alla sindaca di annullare la delibera dello Stadio della Roma.

Nella Sala Congressi dell'Hotel Cicerone, fanno sapere dal comitato organizzatore e dal coordinamento 'intertavoli' con cui Romatoday ha potuto parlare, saranno presenti i 'cittadini attivi' di molti dei tavoli, dall'Ambiente ai Lavori Pubblici. Quello all'Economia, "da cui proviene l'assessore al Bilancio Andrea Mazzillo", e quello del Commercio hanno fatto sapere che non parteciperanno. Un'assemblea aperta a tutti, non solo attivisti, "anche semplici cittadini e giornalisti", a differenza della blindatissima assemblea dei Meet Up dello scorso 5 febbraio che permetteva l'ingresso solo agli iscritti certificati. "Sarà un incontro dai toni pacati e moderati" ci tengono a specificare, "un incontro tra cittadini che hanno creduto in determinati valori del movimento e che si confronteranno nel modo più costruttivo possibile". Valori che però, lasciano sottintendere, in questi primi mesi sono stati disattesi.

IL VIDEO - "Noi attivisti chiediamo l'annullamento"

"Il movimento riconosce i tavoli tematici quale aggregazione di cittadini di cui i portavoce devono tenere conto". Il ricordo corre a quell'incontro che la sindaca tenne proprio con i rappresentanti dei tavoli l'8 luglio scorso, poco dopo la sua elezione, proprio per stabilire un metodo di coordinamento. "Poi non c'è stato più alcun contatto. In questi mesi i rapporti con i consiglieri sono stati davvero limitati mentre con gli assessori praticamente nulli". Non solo. A far storcere il naso agli attivisti dei tavoli anche "le modalità di selezione della classe dirigente e degli staff. I cittadini che per anni hanno lavorato per costuire il Movimento non sono stati per niente coinvolti, il programma resta inattuato", rallentato da una "scarsa incisività dell'azione politica". Il giudizio è duro anche se la voglia di continuare a dare il proprio contributo è tanta.

Il pensiero va alla prima diretta video dal Campidoglio, quando un'emozionatissima Virginia Raggi mostrava a tutti la panoramica mozzafiato sui Fori Imperali che si vede dal balconcino della stanza del sindaco dentro Palazzo Senatorio commentando: "Per la prima volta i cittadini romani entrano nelle istituzioni". Questo, il commento più diffuso tra i componenti dei tavoli, "non è avvenuto". L'aria che tira è quella della "fine dell'epoca dei Meet Up, dell'uno vale uno", frase che Beppe Grillo avrebbe affermato di fronte ai consiglieri riuniti per uscire dalla impasse sulla difficile decisione dello Stadio della Roma. 

Lo spirito dei tavoli, però, sembra essere rimasto 'originario' e l'assemblea in programma "vuole essere un modo per ricominciare dal dialogo e dalla partecipazione dal basso". Per ora non c'è alcuna conferma sui presenti, ma all'assemblea sono stati invitati tutti i portavoce, sindaca compresa. All'incontro potranno "prendere parte tutti i componenti dei vari tavoli tecnici e tematici comunali e municipali, oltre ai semplici cittadini romani interessati ad avvicinarsi ai tavoli e sensibili alle tematiche oggetto del convegno" si legge nella convocazione dell'assemblea sul sito romapartecipata.org. Basta iscriversi acquistando un ticket da 10 euro (per coprire le spese di autofinanziamento) presso il sito www.Eventbrite.it.

Per quanti si registreranno come 'relatori', (i referenti dei vari tavoli lo sono di diritto), gli interventi vanno inviati agli organizzatori entro sabato 25 febbraio. "Il comitato organizzatore segnalerà ai relatori, eventuali parti di testo non in linea con i canoni di educazione, correttezza e costruttività, ed inviteranno ad apportare le dovute correzioni". Se durante l'intervento, l'improvvisazione prenderà il sopravvento "si potrà procedere alla disattivazione del microfono". I contenuti degli interventi "dovranno essere in linea con quelli che sono i punti della programmazione dell’evento, e dovranno essere orientati a illustrare con modalità costruttiva, gli aspetti qualificanti e gli eventuali limiti che si sono presentati in questi primi 8 mesi di nuova amministrazione della città". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento