Arresto De Vito, Raggi e i consiglieri M5s in coro: "Andiamo avanti"

La sindaca: "Nessuno sconto. Avanti fino in fondo, senza se e senza ma, per la legalità". L'assessore Lemmetti: "Sono stupito. Fine dell'amministrazione Raggi? Per me no"

"Nessuno sconto". Virginia Raggi si accoda a Luigi Di Maio e scarica Marcello De Vito, presidente dell'Assemblea Capitolina arrestato oggi per corruzione. Nello stesso tempo manda un messaggio alle opposizioni che chiedono le sue dimissioni. "A Roma", afferma Raggi, "non c'è spazio per la corruzione. Chi ha sbagliato non avrà alcuno sconto da parte di questa amministrazione. La notizia dell'arresto di Marcello De Vito è gravissima: ho piena fiducia nella magistratura e nel lavoro dei giudici".

Si va avanti 

Raggi manda un messaggio a chi ne chiede le dimissioni: "Una cosa è certa: nessuna indulgenza per chi sbaglia. Ho dichiarato guerra alla corruzione e respinto i tentativi di chi vuole fermare l'azione di pulizia che portiamo avanti. Qui non c'è spazio per ambiguità. Non c'è spazio per chi immagina di poter tornare al passato e contaminare il nostro lavoro. Avanti fino in fondo, senza se e senza ma, per la legalità".

Roberta Lombardi

Prima di Di Maio a parlare era stata Roberta Lombardi, mentore di De Vito. "Gravissime le accuse che hanno portato all'arresto di Marcello De Vito. Ripongo la massima fiducia nel lavoro della magistratura con l'auspicio che si faccia chiarezza al più presto su questa inquietante vicenda. L'onestà - sottolinea - deve essere sempre la nostra stella polare".

Il gruppo pentastellato

Tra i pentastellati parla il capogruppo Giuliano Pacetti: "La maggioranza è compatta sulla linea della sindaca, non lasciamo alcuno spazio per ambiguità. Noi andiamo avanti per realizzare il programma ci sono tante cose da fare".  Pietro Calabrese, visibilmente colpito, spiega: "E' la pagina più brutta del Movimento Cinque Stelle. Non c'è molto da dire. Se sono sorpreso? Non so quanto questo sia il termine esatto, siamo sconvolti, non ce lo aspettavamo'. "Se avessimo avuto dei sospetti l'avremmo denunciato", ha aggiunto riferendosi all'arresto di Marcello De Vito. Alla domanda se tutto questo non fosse un paradosso per un Movimento che ha sempre detto 'liberiamo Roma dalla corruzione', ha risposto: "In quel caso si parlava di un sistema di corruzione, qui eventualmente stiamo parlando di una mela marcia".

L'assessore Lemmetti

In Campidoglio parla anche l'assessore al bilancio Gianni Lemmetti: "Secondo me no. Abbiamo un sacco di obiettivi da raggiungere con questa amministrazione" ha risposto ai cronisti che gli chiedevano se l'arresto di Marcello De Vito determini la fine dell'amministrazione guidata da Virginia Raggi. Quanto all'arresto di De Vito ha aggiunto: "Sono stupito".


In Parlamento

Commenta l'arresto anche il presidente della Camera Roberto Fico: "E' un fatto terribile. La corruzione è l'atto più deprecabile che un politico possa fare e va condannato al 100%". L'importante - sottolinea Fico - è che la magistratura vada avanti nelle indagini. Ho piena fiducia nella magistratura. Non si guarda in faccia a nessuno, senza se e senza ma, fermo restando il diritto di De Vito alla difesa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento