Palazzi Ater al freddo: manutenzione rimandata "per ingente morosità"

Spiegata la mancata accensione in molti appartamenti

Dal Quarticciolo a Monte Cucco,  i termosifoni restano spenti fino a data da destinarsi. Le numerose segnalazioni inoltrate a Romatoday dagli inquilini Ater, hanno trovato una parziale spiegazione. E' stata la stessa azienda, incaricata di gestire 50mila alloggi in edilizia popolare, a motivare il disservizio.

L'ingente morosità 

Da via dei Larici a via Molfetta, passando per la Palmiro Togliatti e via Ostuni, fino ad arrivare a via Piero Calamandrei, le Centrali termiche non sono state accese. Il calendario previsto per gli altri immobili, che prevede fino al 26 novembre il funzionamento dei riscaldamenti dalle 17.30 alle 21.30, qui non verrà rispettato. Il motivo era intuibile e più volte Ater ha provato a sottolinearlo. "L'avvio di quegli impianti – spiega Ater di Roma – avverrà al termine dei lavori di manutenzione straordinaria, procrastinati a causa dell'ingente morosità".

Un'evidente ingiustizia

Già ad agosto l'azienda, con un avviso affisso sui portoni dei suoi lotti, aveva annunciato il rischio di ridurre le ore di accensione per il riscaldamento invernale. Con l'occasione si invitava i morosi a saldare i debiti pregressi. Un appello che dev'essere caduto nel vuoto dal momento che oggi, il motivo per cui molti appartamenti sono rimasti al freddo, è che ci sono troppi inquilini morosi. A farne le spese, sono però anche quelli che pagano regolarmente il servizio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento