Utenze non domestiche, scioperano i lavoratori: i rifiuti rischiano di rimanere davanti ai negozi

Licenziamenti e crisi della raccolta, i sindacati denunciano: "Appalto flop. Servono interventi risolutivi per il lavoro e per i servizi”

Scioperano i lavoratori della raccolta delle utenze non domestiche: così i rifiuti di negozi, locali, mercati e scuole rischiano di rimanere davanti a tali attività e servizi. 

Differenziata negozi: scioperano i lavoratori

Ad incrociare le braccia i dipendenti dell'ATI, l'associazione temporanea d'impresa,  costituita da Roma Multiservizi, Isam e Sea, alla quale Ama  ha affidato l’appalto della differenziata porta a porta per le utenze non domestiche. 

Una maxi gara da 150milioni di euro attraverso la quale Ama ha deciso di esternalizzare parte dei servizi con lo scopo di liberare risorse e mezzi propri. Una scelta che però, secondo i sindacati e i risultati visibili sul campo, si starebbe rivelando fallimentare. 

Differenziata negozi, scioperano i lavoratori in appalto: "E' crisi delle utenze non domestiche" 

Appalto utenze non domestiche "è flop"

"Una situazione difficilissima che mette in crisi il lavoro e ricade su AMA. A detta delle aziende le utenze realmente coperte dal servizio sarebbero la metà di quelle previste dal capitolato e questo comporterebbe un fatturato minore del previsto. Le società hanno già ridotto il personale e adesso annunciano ulteriori licenziamenti e tagli sui mezzi. Col risultato che AMA, già in pessime condizioni, si trova a coprire con proprie risorse un servizio affidato all’esterno" - hanno denunciato Natale Di Cola, Marino Masucci e Massimo Cicco, Segretari generali di Fp Cgil, FitCisl e Fiadel Roma e Lazio. 

Un appalto che avrebbe dovuto aumentare i livelli di raccolta differenziata e potenziare la forza lavoro ma che di fatto "si è rivelato un flop"

Licenziamenti e crisi della raccolta

Disastroso il bilancio occupazionale: prima la Sea, che non ha rinnovato i contratti di 19 lavoratori in somministrazione, poi il licenziamento collettivo di 36 lavoratori della Isam e la ricollocazione di 50 operatori di Roma Multiservizi. 

"Ricollocazione a sua volta non priva di incertezze, perché - spiegano i sindacalisti - anche le altre commesse della società sono in scadenza". 

I sindacati: "Servono interventi risolutivi per il lavoro e per i servizi”

"I lavoratori sono a rischio e AMA, i cui dipendenti sono in stato agitazione per le tantissime incognite che ancora gravano sul futuro della partecipata e rendono difficile l’ordinaria gestione dei servizi peggiorando le condizioni di lavoro, non affronta i problemi. È una delle tante criticità ormai insostenibili per un’azienda pubblica ancora senza vertici e in enormi difficoltà". 

Da qui la scelta dello sciopero con i lavoratori delle aziende in appalto in presidio al Campidoglio dalle 9 alle 13. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In questi mesi è stato impossibile avere un tavolo per provare a uscire da questa impasse e i lavoratori sono stati al centro di uno scaricabarile colpevole. Non c’è più tempo - concludono Di Cola, Masucci e Cicco – ed è intollerabile che di fronte ai disservizi e ai licenziamenti nessuno prenda in mano la situazione”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 19 nuovi contagiati: sono 3826 gli attuali positivi nel Lazio

  • Coronavirus, 20 nuovi contagi tra Roma e provincia: 3786 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 16 nuovi contagiati: nel Lazio sono 3786 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento