Tangenziale Est, il progetto per demolirla è pronto: "I cantieri nel 2018"

E' stato presentato questa mattina in commissione congiunta Mobilità e Lavori Pubblici. Il direttore del dipartimento: "Il progetto esecutivo è quesi pronto, bisogna solo mettere i finanziamenti in bilancio"

Il progetto esecutivo è quasi pronto. La decisione, ora, spetta all'amministrazione di Virginia Raggi. Torna a far parlare di sè la demolizione della Tangenziale est, nel tratto di 460 metri che scorre in prossimità della stazione Tiburtina. Questa mattina nel corso di una commissione congiunta Mobilità e Lavori Pubblici, che si è tenuta nella sede di via Petroselli, è stato presentato il progetto di smantellamento. "Entro la fine di maggio Risorse per Roma sarà in grado di consegnarci il progetto esecutivo" ha spiegato il direttore del dipartimento Lavori Pubblici, Roberto Botta. "I soldi da utilizzare sono quelli già stanziati per l'intero Piano di assetto dell'area, bisogna rimetterli in bilancio. Se si deciderà di finanziare l'opera, si potrà procedere con la verifica del progetto, che impiegherà circa due mesi, e poi con il bando di gara che ne occuperà almeno sei. Tra un anno circa potrebbero iniziare i lavori che dureranno 450 giorni". Il progetto di demolizione, al vaglio ormai dall'inizio degli anni duemila, potrebbe essere realtà tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020. 

Dopo la consegna del progetto esecutivo da parte di Risorse per Roma ai dipartimenti competenti la palla passerà dagli uffici agli assessorati. L'ultima volta ad annunciare i lavori era stata l'amministrazione Marino che aveva promesso l'apertura dei cantieri nel 2015. Poi però era stato fermato tutto per valutare la possibilità di trasformarla in un parco urbano 'sopraelevato'. "Siamo qui per valutare" le parole del presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefàno, incalzato in merito. "Non abbiamo preconcetti nè per l'una nè per l'alta ipotesi". Nessuna decisione definitiva, quindi.

Intanto, come altre volte in passato, il progetto di demolizione torna a un passo dalla sue esecuzione. Era stato inserito nel piano di assetto della stazione, definito con un accordo di programma del 2000, che risulta oggi realizzato solo in parte (ne fanno parte la stazione di Paolo Desideri e la sede di Bnl), e permetterebbe di procedere con un piano di riqualificazione di tutta l'area. Il costo dell'operazione ammonta a circa 9,9 milioni di euro, cifra che comprende i circa 7 milioni di euro per i cantieri più una somma per 'ripensare' il piazzale ovest con gli stalli per il servizio Atac e alcune aree verdi. Al vaglio anche la delocalizzazione dell'autostazione Tibus, diventato ormai un vero e proprio hub per il servizio bus interregionale esercitato da operatori privati.

Non ancora inserita nel piano di assetto, la possibilità di trasformare quest'area in una piazza pedonale. Tra le altre ipotesi, quella di connettere con un ponte ciclopedonale i quartieri che sorgono sui due fronti della stazione, creando così un asse di viabilità alternativa tra la zona di Pietralata e quella di Piazza Bologna. Il costo di quest'opera ammonterebbe a quasi tre milioni di euro, "non ancora finanziati ma si potrebbero trovare con una rimodulazione del piano". I lavori per riaprire via Masaniello, invece, dovrebbero partire entro settembre.

La struttura verrà smantellata pezzo per pezzo. I piloni di cemento armato 'tagliati a fette' e portati via. L'obiettivo è quello di non creare troppo disagio ai residenti, sia in termini di viabilità sia in termini di inquinamento da polveri sottili. 

Favorevole al progetto di abbattimento anche il II Municipio. Presente la presidente della commissione municipale Lavori Pubblici e Urbanistica, Valentina Caracciolo che ha confermato "la volontà di andare avanti con la demolizione".

La questione è molto sentita anche dai cittadini della zona che, in rappresentanza di alcuni comitati, hanno testimoniato ai consiglieri l'urgenza di proseguire. "L'area antistante è degradata e piena di topi. Ci stiamo ammalando" hanno detto riferendosi alle polveri sottili dovute all'alto tasso di traffico della zona. "Non possiamo nemmeno più aprire le finestre". 

tangenziale est-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Sushi "all you can eat" a Roma: 10 ristoranti giapponesi da provare

  • Incidente a Romanina: scontro tra auto, morta una mamma. Grave la figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento