Tangenziale Est: "Entro ottobre la gara per l'abbattimento davanti a stazione Tiburtina"

Lo afferma con una nota il Campidoglio che ha confermato la continuazione dell'iter per la riqualificazione dell'area. Marino: "Al via percorso partecipato con i cittadini"

Entro la fine di ottobre partirà l'iter per abbattere parte del viadotto della circonvallazione Nomentana, meglio conosciuta come Tangenziale Est, e per la riqualificazione della Stazione Tiburtina. Lo afferma con una nota il Campidoglio che annuncia l'approvazione del progetto definitivo per i “lavori di demolizione del tratto in elevazione e relativi svincoli della circonvallazione Nomentana e sistemazioni superficiali”. Entro al fine del mese infatti partirà la gara per la riqualificazione mentre i lavori dovrebbero partire entro l'estate del 2015 e dureranno 15 mesi.

IL PROGETTO - Il progetto è atteso da oltre dieci anni, era infatti il 2000 quando venne approvato l'accordo di programma non ancora del tutto attuato. L'abbattimento non riguarda tutta la tangenziale che si snoda tra i palazzi ma circa 500 metri di viadotto, quello che va dalla stazione Tiburtina all'incrocio con via Teodorico, e delle sei rampe che oggi collegano l'asse stradale alla via Tiburtina. Con il progetto inoltre verrà riqualificata l'area davanti alla stazione. Per quel che rimane della Tangenziale Est invece negli scorsi mesi era sorto un progetto per la trasformazione del tracciato in un percorso verde e ciclabile sopraelevato. Quest'ultimo invece è ancora oggetto di valutazione da parte degli enti preposti. 

SINDACO - “Si tratta di un intervento atteso da molti anni, che restituirà a questo quartiere un volto migliore e potrà dare il via a un processo partecipato e condiviso con cittadini e associazioni per la riqualificazione della vecchia Tangenziale anche attraverso la realizzazione di spazi verdi nell’area urbana restituita alla città” ha affermato il Sindaco di Roma Ignazio Marino.

ASSESSORE MASINI - “Accelereremo l’iter per arrivare a far partire il prima possibile i lavori, che auspichiamo di portare a termine alla fine del 2016 e che consentiranno di fare un altro passo avanti per uno dei quadranti più importanti per lo sviluppo e il rilancio di Roma” ha dichiarato l'assessore allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana Paolo Masini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PRESIDENTE GERACE - Per il presidente del II Municipio, Giuseppe Gerace, “è una grande soddisfazione poter annunciare finalmente l’abbattimento delle rampe. Dopo lunghe procedure e diversi incontri organizzati sul territorio, abbiamo ritenuto che questa fosse la scelta migliore per rispettare la volontà della cittadinanza e tutelare l’interesse pubblico. Contemporaneamente, verrà avviato un percorso  partecipato con i cittadini sul tema della riqualificazione sia del piazzale Ovest che del tratto di strada che va dalla Stazione a Ponte Lanciani. La riqualificazione dovrà necessariamente seguire un percorso di qualità affinché i cittadini, che per troppi anni hanno subito l’inquinamento acustico-ambientale dovuto alla presenza della tangenziale, possano essere adeguatamente risarciti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento