Lupi nella Capitale: nella riserva di Castel di Guido si è formato un nuovo branco

Tre cuccioli sono stati ripresi all'interno dell'area protetta. E' la seconda volta, negli ultimi 100 anni, che si testimonia la riproduzione dei lupi nella Capitale

Un nuovo branco di lupi è stato ripreso all'interno della riserva di Castel di Guido. Tre cuccioli sono stati infatti immortalati dalle videotrappole della Lipu. Non è il primo branco che viene notato nell'area protetta. La prima coppia era stata avvistata nel 2016. I cuccioli che però oggi giocano nella riserva, sono figli di un altro maschio ed originariamente erano i sei.

Un 'elevata mortalità nei primi mesi di vita

"E' importante ribadire che nel lupo, in media, solo il 50% dei cuccioli arriva al secondo anno di vita, a causa di un elevata mortalità nei primi mesi" ha spiegato la Lipu. I branchi quindi hanno il doppio degli esemplari se vengono conteggiati in estate. Ma è proprio per questo che i censimenti vanno fatti nel periodo invernale. I tre lupacchiotti, rirpesi dalla videocamere, appaiono comunque vispi e quindi si presume che godano di buona salute.

I monitoraggi e la dieta del lupo

Per capire le dinamiche di ricolonizzazione d'una specie che ormai è stabilmente presente nella riserva (e quindi nel comune di Roma) ci si sta affidando all'analisi degli escrementi.  "Negli anni scorsi tale metodologia ci aveva permesso di ricostruire le dinamiche di ricolonizzazione della specie" ha spiegato la Lipu. Quella stessa tecnica permette ora di affermare oggi, che "la dieta di questo branco è composta per quasi il 95% da cinghiale, e che dunque il suo impatto sulla zootecnia è quasi nullo". 

Il ritorno del lupo

La presenza di un branco nel Comune di Roma, fa parte di un più ampio processo di ricolonizzazione che vede il lupo protagonista. Negli ultimi 40 anni la specie è tornata a ripopolare un esteso areale che, partendo dagli Appennini, ha consentito di raggiungere anche delle Alpi, dove sono attualmente presenti quasi 300 esemplari. Come è emerso dal convegno "Verso un Piano nazionale di monitoraggio del lupo"  che l'Ispra ha recentemente organizzato a Roma, tra il 2006 ed il 2012 la popolazione "occupava il 18,04% del territorio nazionale e dati preliminari relativi al periodo 2012-2018 indicano che la proporzione è cresciuta al 23,02%". In questa percentuale, evidentemente, è compreso anche il territorio capitolino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • visto che i cinghiali stanno invadendo Roma, il ritorno del lupo che ne limita la diffusione è una buona notizia

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Barberini: la scala mobile si accartoccia, scene di panico. Chiusa la stazione. Il racconto di un testimone

  • Cronaca

    Arresto De Vito: così 'Marcellone' voleva passare all'incasso

  • Politica

    Arresto De Vito, Berdini: "Raggi si assuma la responsabilità delle sue scelte politiche"

  • Politica

    Arresto De Vito, dallo Stadio agli ex Mercati Generali: ecco le operazioni urbanistiche della "Congiunzione astrale"

I più letti della settimana

  • Presidente cinese a Roma: dal 21 marzo strade chiuse e una doppia 'green zone'

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Paura a Grottaferrata: bus Cotral finisce in una scarpata. Sette feriti

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • "No a perquisizioni razziste sul bus": il cartello sulle pensiline Atac contro le forze dell'ordine

Torna su
RomaToday è in caricamento