Regione, svolta green con il progetto Ossigeno: 6 milioni di alberi in 3 anni

I primi 30mila esemplari saranno piantati il 21 novembre per la festa dell'Albero. Legambiente: "Il progetto Ossigeno è quanto di meglio si possa fare per aiutare l'aria e l'ambiente"

Sei milioni di alberi da piantare nei prossimi tre anni. La Regione Lazio ha annunciato il progetto Ossigeno. Un toccasana per l'ambiente ed anche per la qualità dell'aria visto che, a regime, le piantumazioni permetteranno di abbattere 240mila metri cubi di CO2.

Le risorse a disposizione

Ossigeno sarà articolato in tre fasi e prende avvio con il coinvolgimento di scuole e università pubbliche, seguite da comunu, ospedali, ceentri anziani, parchi regionali e tutti quegli organismi che vorranno contribuire alla riuscita del progetto.  Saranno messi a disposizione 4 milioni di euro all'anno per la messa a dimora e le gestione delle nuove essenze arboree, in un arco temporale compreso tra il 2020 ed il 2022. Ma si parte subito.

La svolta green e la festa dell'Albero

Il primo appuntamento che servirà a lanciare l'iniziativa della Regione è atteso per il 21 novembre, la festa dell'albero. In quell'occasione saranno piantati 30mila arbusti provenienti dal Vivaio del Parco Regionale dei Monti Aurunci. “Il progetto Ossigeno, è quanto di meglio si possa fare per aiutare l’aria, la salute, l’ambiente e le persone della nostra Regione – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – ancor meglio perché arriva proprio in vista della festa dell’albero del prossimo 21 novembre. In questo modo si da corpo e sostanza alla trasformazione green, alla lotta alle emissioni climalteranti, all'adattamento del territorio al clima che cambia e non solo”. 

Le prossime tappe del progetto

Oltre alle scuole, alle università ed ai Parchi Regionali, la Regione ha intenzione di coinvolgere anche i beni demaniali, l'ATER, le pertinenze di ASTRAL, IPAB, Associazioni di Protezione Civile,  ma anche i Comitati di Quartiere e le aziende agricole. Non meno importante dello stanziamento previsto a partire dal 2020, è l'intenzione di avviare a produzione 100mila piante a trimestre.

L'appello a prendersi cura degli alberi

Non possiamo che accogliere con favore il progetto ossigeno - hanno comentanto Nando Bonessio e Gugliemo Calcerano, portavoci rispettivamente dei Verdi del Lazio e di Roma. I due ecologisti tengono però a rivolgere un appello al governatore della Regione, in merito alla futura gestione del promesso patrimonio arboreo. " Chiediamo al Presidente Zingaretti di assicurare che le risorse per la cura degli alberi (lo stanziamento di 12 milioni è ripartito in piantumazioni e gestione delle nuove essenze) servano a finanziare in primo luogo l'assunzione di personale qualificato da parte dei Comuni".

L'assunzione di giardineri specializzati

La richiesta dei Verdi  nasce dal desiderio di "evitare succulenti appalti al massimo ribasso, con capitolati tecnici che - hanno sottolineato Bonessio e Calcerano - consentono alle ditte di operare tramite personale non qualificato". Le capitozzature, i crolli e la scarsa manutenzione del patrimonio forestale della Capitale, sono sotto gli occhi di tutti i romani. Gli alberi, una volta piantati, vanno anche curati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Sushi "all you can eat" a Roma: 10 ristoranti giapponesi da provare

  • Incidente a Romanina: scontro tra auto, morta una mamma. Grave la figlia

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

Torna su
RomaToday è in caricamento