Yona Friedman. Mobile Architecture, People’s Architecture

  • Dove
    MAXXI
    Via Guido Reni, 7
  • Quando
    Dal 23/06/2017 al 29/10/2017
    11.00 – 19.00 (mart, merc, giov, ven, dom) |11.00 – 22.00 (sabato) | chiuso il lunedì
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

A Yona Friedman (Budapest 1923), architetto visionario, figura dirompente e creativa al di fuori di ogni confine disciplinare, dal pensiero straordinariamente attuale, il MAXXI dedica la mostra YONA FRIEDMAN. Mobile Architecture, People’s Architecture a cura di Gong Yan e Elena Motisi, dal 23 giugno al 29 ottobre 2017.

Organizzata da Power Station of Art, Shanghai - dove è stata presentata nel 2015 – questa grande mostra arriva al MAXXI in una nuova veste, pensata appositamente insieme all’architetto.

Per Friedman – che nel 2016 ha realizzato per la Serpentine Gallery di Londra una struttura modulare che sembra disegnata nell’aria - chiunque può progettare e realizzare la propria architettura attraverso strutture mobili semplici e flessibili, dalla casa alle “città spaziali” che fluttuano al di sopra delle città reali. 

Per la mostra del  MAXXI, la celebre Ville Spatiale di Yona Friedman si sposta su Roma, depositando nel museo un frammento che dialoga con elaborazioni grafiche inedite alle pareti. E ancora: disegni inediti degli anni Sessanta, le sue strutture mobili e “improvvisate” insieme alle istruzioni per realizzarle, fotomontaggi, video e una selezione di film d’animazione. E siccome per lui il museo contemporaneo deve esporre ciò che è davvero importante per le persone, ha realizzato un Street Museum temporaneo con oggetti dei cittadini raccolti grazie a una open call del museo.

Mobile Architecture. Questa mostra è una finestra sul linguaggio universale di Friedman che, applicato in contesti diversi, può rispondere alle esigenze ecologiche, sociali e di sostenibilità della società contemporanee. Attraverso bozzetti, modelli e animazioni,  racconta lo sviluppo della famosa teoria di Friedman dell’ Architettura Mobile, teorizzata alla fine degli anni Cinquanta, che si interroga sulla natura dell’architettura e sull’identità di chi ne usufruisce da un punto di vista sociologico, psicologico e costruttivo.  Nello stesso tempo esplora il tema dell'improvvisazione, da lui teorizzata come "possibilità" nel mondo dell'architettura.

People’s Architecture. Per Friedman l’architettura non deve imporsi sulla persona, ma modellarsi su chi la abita, tenendo conto della  vita quotidiana, delle esigenze, dei desideri di chi quegli spazi vive. E’ un’”architettura della sopravvivenza” fatta di materiali poveri e forme semplici, realizzabile da artigiani se non addirittura dai residenti. Oggi più che mai, il suo lavoro è di grande attualità: attraverso la riorganizzazione urbana si può costruire un mondo sostenibile, dove la vita delle persone torni ad avere valore. Una visione apparentemente utopica, tuttavia con una forte componente di realismo che sempre si ravvisa nei suoi lavori.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Frida Kahlo "Il caos dentro", la mostra-evento a Roma

    • dal 12 ottobre 2019 al 29 marzo 2020
    • SET - Spazio Eventi Tirso
  • Impressionisti segreti, la mostra a Roma

    • dal 6 ottobre 2019 al 8 marzo 2020
    • Palazzo Bonaparte
  • Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione: mostra prorogata

    • dal 24 gennaio al 10 novembre 2019
    • Galleria d'Arte Moderna

I più visti

  • Giudizio Universale. Viaggio straordinario nei segreti della Cappella Sistina

    • dal 15 marzo 2018 al 31 dicembre 2019
    • Auditorium Conciliazione
  • Frida Kahlo "Il caos dentro", la mostra-evento a Roma

    • dal 12 ottobre 2019 al 29 marzo 2020
    • SET - Spazio Eventi Tirso
  • "Io vado al Museo", ingressi gratuiti alle Terme di Caracalla

    • Gratis
    • dal 22 marzo al 17 dicembre 2019
    • Terme di Caracalla
  • Impressionisti segreti, la mostra a Roma

    • dal 6 ottobre 2019 al 8 marzo 2020
    • Palazzo Bonaparte
Torna su
RomaToday è in caricamento