The Winery Dogs ​ al Crossroads

The Winery Dogs ​ al Crossroads

The Winery Dogs nascono nel 2012 dall’incontro di tre mostri sacri dell’hard rock: il cantante e chitarrista Richie Kotzen ha lasciato il segno prima coi Poison e poi coi Mr. Big, band in cui attualmente milita il bassista Billy Sheehan, che a sua volta vanta collaborazioni con Steve Vai, David Lee Roth e molti altri, e infine Mike Portnoy, co-fondatore dei Dream Theater e considerato uno dei migliori batteristi progressive metal al mondo.Tra le influenze di questo progetto, Portnoy annovera sia pilastri del rock come Led Zeppelin e Cream che artisti del mondo alternative tra i quali Soundgarden e Black Crowes. Il primo album, l’omonimo “The Winery Dogs”, è uscito nel 2013 per la Loud & Proud Records e ha ottenuto un notevole successo nelle chart americane, arrivando alla terza posizione nella Top Alternative Albums e alle ventisettesima nella Top 100. Il nuovissimo “Hot Streak”, uscito solo qualche giorno fa, attualmente si attesta al trentesimo posto della Billboard USA.



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Potrebbe Interessarti

    • The art of the brick all'Auditorium Parco della Musica

      • dal 9 dicembre 2016 al 26 marzo 2017
      • Auditorium Parco della Musica
    • Artemisia Gentileschi la mostra a Palazzo Braschi

      • dal 30 novembre 2016 al 7 maggio 2017
      • Palazzo Braschi
    • Mercatino svuota l'armadio

      • 25 febbraio 2017
      • Laboratorio Permanente di Arte

    I più visti

    • The art of the brick all'Auditorium Parco della Musica

      • dal 9 dicembre 2016 al 26 marzo 2017
      • Auditorium Parco della Musica
    • Artemisia Gentileschi la mostra a Palazzo Braschi

      • dal 30 novembre 2016 al 7 maggio 2017
      • Palazzo Braschi
    • Mercatino svuota l'armadio

      • 25 febbraio 2017
      • Laboratorio Permanente di Arte
    • Tancredi, l’atomica e il filo d’erba

      • dal 12 novembre 2016 al 12 marzo 2017
      • Collezione Peggy Guggenheim
    Torna su
    RomaToday è in caricamento