Streetbook Festival, il festival letterario itinerante tra i borghi del Lazio

Il piacere del book e del food in un evento speciale, alla scoperta dei borghi nascosti del Lazio. Partirà sabato 12 gennaio, a Castelnuovo di Porto, la prima edizione di StreetBook Festival, il primo festival letterario itinerante su tre ruote. Organizzato dall'Associazione Culturale Artcloud, con il patrocinio della Regione Lazio e dei rispettivi comuni, con l'apporto delle media partnership di Rai Radio Live, Il Tempo e Shalom, l'appuntamento coniuga reading e talk con autori, per piccoli lettori e per quelli più adulti.

LE AUTRICI - La prima ospite di questa edizione sarà l'autrice Lia Tagliacozzo, la quale presenta la sua graphic novel per ragazzi "Inviati per caso, viaggio nell'Italia delle religioni". Sarà intervistata dalla giornalista Francesca Di Giampietro. Per i lettori più grandi, invece, arriva Giulia Blasi con il suo "Manuale per ragazze rivoluzionarie", intervistata dalla giornalista di SkyTG24 Olivia Tassara. A fare da contorno agli appuntamenti, il simbolo del festival, l'"Apebook", dove trovare centinaia di libri, a prezzi vantaggiosi, di tutti i generi, dal fantasy alla narrativa, dai saggi al romanzo.

IL PROGRAMMA - Per questa prima edizione sono già state confermate anche le date del 19 gennaio a Campagnano e del 26 a Formia. Confermate anche le autrici, salve sorprese. "Il programma, infatti, è ancora nella sua fase iniziale, e nuove date e nuovi autori sono in fase di definizione - spiegano gli organizzatori - Il nostro obiettivo è quello di offrire un pomeriggio a tutti, residenti e non, alla scoperta del piacere della lettura, in compagnia di un goloso piatto di street food, nei posti più belli e nascosti, prima del Lazio e poi, perché no, di tutta la nostra bellissima penisola".


L'AUTRICE - Lia Tagliacozzo è nata nel 1964 a Roma, dove ha vissuto quasi sempre. Con lei vivono anche suo marito, i suoi due figli e i suoi due cani. Fin da quando era bambina ha desiderato scrivere e viaggiare. Esperta di cultura ebraica, scrive di storia, letteratura, attualità, identità e memoria. Ha lavorato nel settore culturale delle istituzioni ebraiche e presso giornali e televisioni con particolare riferimento all’ebraismo e alla Shoah e con una attenzione specifica alla divulgazione. Per questo, da anni, va in giro per le scuole di tutta Italia a raccontare le storie dei suoi libri. Ha scritto per adulti, bambini e adolescenti. Per Einaudi Ragazzi ha pubblicato Il mistero della buccia d’arancia: una storia di affetto, di vita e di memoria civile e La Shoah e il Giorno della Memoria.
IL LIBRO - "Inviati per caso. Viaggio nell'Italia delle religioni", editore Sinnos, collana Nomos, pag. 80.
Luca ha una cotta per Neela, che è sparita da scuola: forse la sua famiglia l'ha data in sposa a un lontano cugino? Martina "Tuttapposto" invece è una fotografa speciale. Grazie a un progetto scolastico, Luca e Martina partono: lui alla ricerca di Neela, lei alla ricerca di fondi per una macchina fotografica nuova. Ma il viaggio li porterà a scoprire cose che non si aspettavano affatto. La storia di un viaggio, veramente accaduto, nell'Italia delle tante religioni. Una storia di come si possono smantellare ignoranze e pregiudizi, una storia di amicizie. Un punto di partenza per imparare a guardarsi intorno, conoscere, capire. Tutti insieme.

L'AUTRICE - Giulia Blasi scrive da quando aveva quattordici anni, è femminista da quando ne aveva sedici: le due cose si sono incontrate a più riprese. Ha pubblicato Nudo d’uomo con calzino (Einaudi Stile Libero), Il mondo prima che arrivassi tu e Siamo ancora tutti vivi (Mondadori), Se basta un fiore (Piemme). Manuale per ragazze rivoluzionarie è il suo primo libro di non-fiction. Dal 2014 al 2017 ho condotto su Radio 1 Hashtag Radio Uno, un programma quotidiano dedicato alla satira su Twitter. Nel 2015 ho ideato e condotto anche il contenitore estivo 120 Cose, dedicato ai consumi culturali nella stagione calda. Quando se ne ricorda, scrive anche su www.giuliablasi.it.
IL LIBRO - "Manuale per ragazze rivoluzionarie. Perché il femminismo ci rende felici", Editore Rizzoli, pag. 302.
Una società, la nostra, che oggi è tecnologica, in rapida evoluzione, ma purtroppo non ancora paritaria fra i sessi in termini di rispetto, opportunità, trattamento. Certo non si può dire che nel Novecento non siano stati fatti enormi passi avanti per le donne, basti pensare al diritto di voto o alle grandi battaglie per il divorzio e l'aborto. Ma dagli anni '80 in poi il femminismo si è come addormentato, mentre il successo nel lavoro (e in politica, nell'arte) ha continuato a essere per lo più riservato ai maschi e in tv apparivano ballerine svestite e senza voce. Per non dir di peggio: la violenza sulle donne non si è mai fermata e chi denuncia le molestie tuttora corre rischi e prova vergogna. Ecco perché oggi è giunto il momento che le ragazze di ogni età raccolgano il testimone delle loro nonne e bisnonne per proporre un cambiamento epocale.

Per ulteriori informazioni, www.uozzart.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • "Il Villaggio di Natale" del Solara Garden Center

    • dal 12 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Solara Garden Center
  • Cioccofest e Festa della Castagna

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 5 al 13 ottobre 2019
    • Palazzo Farnese - Caprarola
  • Ottobrata Testaccina al Mercato di Testaccio

    • solo oggi
    • Gratis
    • 12 ottobre 2019
    • Mercato di Testaccio

I più visti

  • Giudizio Universale. Viaggio straordinario nei segreti della Cappella Sistina

    • dal 15 marzo 2018 al 31 dicembre 2019
    • Auditorium Conciliazione
  • Frida Kahlo "Il caos dentro", la mostra-evento a Roma

    • dal 12 ottobre 2019 al 29 marzo 2020
    • SET - Spazio Eventi Tirso
  • "Io vado al Museo", ingressi gratuiti alle Terme di Caracalla

    • Gratis
    • dal 22 marzo al 17 dicembre 2019
    • Terme di Caracalla
  • Tornano le aperture notturne ai Musei Vaticani

    • dal 26 aprile al 25 ottobre 2019
    • Musei Vaticani
Torna su
RomaToday è in caricamento