Piazza del Campidoglio: da antica sede del potere cittadino a elegante piazza michelangiolesca

Situata sulla sommità dell’omonimo colle, Piazza del Campidoglio rappresenta oggi uno dei luoghi più famosi ed eleganti della capitale. La storia della Piazza si intreccia fortemente con quella dell’area su cui sorge. Il Campidoglio infatti è uno dei sette colli romani e, tra questi, uno dei più antichi per quanto riguarda la presenza dell’uomo. Durante la fase repubblicana prima e imperiale poi, il colle fu sede di importanti edifici di culto. La sua conformazione infatti rendeva possibile la compresenza di più strutture: tra le più importanti va sicuramente citato il tempio di Giove Capitolino, dedicato alla triade capitolina di Giove, Giunone e Minerva da cui il nome del colle.

Altra struttura importante, situata alle pendici del colle verso il Foro romano, era l’antico Tabularium (archivio di Stato) che, a partire dal 1140 circa fu risistemato per ospitare al suo interno il cosiddetto Palazzo Senatorio, sede del Senato cittadino. Nonostante un costante utilizzo dell’area come sede del potere cittadino, questa zona fu in parte abbandonata e utilizzata come prato dove far pascolare le capre (da qui il nome di Monte Caprino) fino a tutto il Quattrocento. Nel 1536, al fine di rivalutare un luogo dal passato così illustre, papa Paolo III Farnese decise di far risistemare tutta la zona del Campidoglio affidando il progetto a uno dei più grandi artisti presenti a Roma in quel momento: Michelangelo. L’artista fiorentino progettò dunque una piazza di forma trapezoidale formata da tre diverse strutture: i due esistenti palazzi (Senatorio e dei Conservatori), che furono risistemati secondo moduli architettonici pienamente rinascimentali, e un terzo palazzo (Palazzo Nuovo), costruito ex-novo per creare un effetto di simmetria ed equilibrio tra le parti.

A coronamento dell’intero progetto, l’artista previde inoltre una elegante scalinata, detta anche “Cordonata”, che accompagna tuttora l’occhio dello spettatore fino alla sommità dell’area, dove, al centro della piazza, vero centro prospettico di tutto l’insieme, fu inserita la famosa statua equestre di Marco Aurelio.

Prenotazione obbligatoria
Per ulteriori info visita il sito: https://esperide.it/piazzadelcampidoglio/

APPUNTAMENTO: In piazza del Campidoglio sotto la statua di Marco Aurelio, mezz’ora prima dell’inizio della visita per chi deve ancora iscriversi all’associazione Esperide, un quarto d’ora prima per i soci iscritti.
CONTRIBUTO: 10 euro intero – 6 euro per i soci già tesserati (vedi sezione regolamento). Per gruppi di minimo 15/20 partecipanti, potrà essere incluso l’utilizzo degli auricolari al costo di 1,50 euro (tariffa giornaliera) e 2 euro (tariffa notturna).
PER PRENOTARE: indirizzo email info@esperide.it; telefono: 3394750696–3331125444–3498926716. I NUMERI SONO ATTIVI TUTTI I GIORNI DALLE 10:30 ALLE 20:30. LE PRENOTAZIONI VENGONO ACCETTATE FINO A 4 ORE PRIMA DELLA VISITA E SINO ALLE ORE 20:30 DEL GIORNO ANTECEDENTE, NEL CASO DI VISITE DI MATTINA.
COME ARRIVARE: linee bus: 80, 64, 60, 40 (fermata piazza Venezia)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Crociera sul Tevere in Battello e visita di Ostia Antica con archeologo

    • 1 marzo 2020
    • Ostia antica
  • Passeggiata a Corviale utopia della città in un palazzo

    • solo domani
    • 29 febbraio 2020
    • Corviale
  • L'Aurora di Guido Reni nel Casino Pallavicini Rospigliosi sul Quirinale

    • 1 marzo 2020
    • Palazzo Pallavicini Rospigliosi

I più visti

  • I Love Lego, la mostra a Natale nella Capitale

    • dal 24 dicembre 2019 al 19 aprile 2020
    • Palazzo Bonaparte
  • Frida Kahlo "Il caos dentro", la mostra-evento a Roma

    • dal 12 ottobre 2019 al 29 marzo 2020
    • SET - Spazio Eventi Tirso
  • Impressionisti segreti, la mostra a Roma

    • dal 6 ottobre 2019 al 3 maggio 2020
    • Palazzo Bonaparte
  • "Canova. Eterna Bellezza", mostra a Palazzo Braschi

    • dal 9 ottobre 2019 al 15 marzo 2020
    • Palazzo Braschi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento