homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

← Tutti gli eventi

Mostre

NeuroArt alla Sapienza

Dal 15/02/2016 al 20/02/2016

Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea dell'Università di Roma La Sapienza (MLAC)

Inaugurazione della mostra

NeuroArt

Lunedì 15 febbraio 2016, ore 18.30

Il 15 febbraio 2016 presso il MLAC - Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea dell'Università di Roma La Sapienza inaugurerà la mostra NeuroArt. L'esposizione, curata da Manuela Enna, è stata organizzata dalla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste (SISSA) nell'ambito del progetto europeo NERRI.

NERRI (Neuro-Enhancement: Responsible Research and Innovation) è un progetto di tre anni iniziato nel 2013 e finanziato dalla Commissione Europea, che vede la partecipazione di università, professionisti nel campo della comunicazione scientifica e gruppi di difesa dei pazienti di undici paesi europei. In Italia i partner del progetto sono la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste e la Fondazione Toscana Life Sciences (TLS) di Siena. NERRI promuove un ampio dialogo sociale per sondare le opinioni sui temi della potenziamento cognitivo: farmaci psicotropi o dispositivi di stimolazione cerebrale, strumenti per migliorare la conoscenza e/o il funzionamento del comportamento. Il progetto, che si è interrogato sul reale funzionamento di questi strumenti e su eventuali effetti collaterali, attraverso una serie di interviste e mutual learning events ha coinvolto attivamente il pubblico non specializzato e ha investigato l'opinione di scienziati, politici, pazienti e del pubblico più vasto, sviluppando una classificazione delle tecnologie di potenziamento cognitivo attualmente disponibili e discutendo sulle implicazioni etico-sociali che tali tecnologie sperimentali o emergenti potrebbero avere.

Alcune delle tematiche di cui il progetto NERRI ha studiato l'impatto sociale verranno esposte nella mostra organizzata da NeuroArt e dalla SISSA come evento finale del progetto NERRI.

NeuroArt crea mostre di arte e scienza in cui le nozioni scientifiche vengono spiegate attraverso le opere d'arte. Ci si propone di esporre temi scientifici in un ambiente nuovo, più intimo, che suscita nel visitatore quella meraviglia che gli permette di apprendere più facilmente. Ogni argomento viene spiegato attraverso le ricerche più importanti e arricchito dalla parte artistica che lo reinterpreta. Durante la mostra al MLAC, verranno esposte le opere di Andrea Santini, Walter Casagrande, Dario Tironi, Amos Torresin, Caterina Montesi e Stefano Ceriani.

Andrea Santini, con Francesca Sarah Toich, presenta In Vitro, opera interattiva ispirata da temi e questioni che circondano gli sviluppi straordinari e le realizzazioni nei campi dell'ingegneria genetica e la genomica; il lavoro non offre alcuna risposta o dichiarazione, ma lo fa implicitamente sollevando una serie di domande sulle ragioni e risultati che guidano questo tipo di ricerca. Le maschere di Walter Casagrande, quasi anime intrappolate nella creta e nel marmo, alludono all'angoscia della solitudine e ad una sorta di uomo postmoderno in cui la tecnologia è stata integrata nell'essere umano. Anche Dario Tironi rappresenta il rapporto dell'uomo moderno con la tecnologia grazie alla scultura ironicamente chiamata Assemblaggio di oggetti, opera in cui un corpo femminile prende forma da pezzi di tecnologia passata e presente. In Animal Mechanisms le strutture nervose vengono esposte nei corpi di insetti e formiche, sculture che Amos Torresin ha composto prendendo i fili e le connessioni di vecchi telefoni. Nei dipinti di Caterina Montesi e Stefano Ceriani viene invece presentata la pareidolia, la capacità che tutti noi abbiamo di ricondurre a qualcosa di noto ciò che non comprendiamo, l'istinto che abbiamo di dare un senso a ciò che vediamo.

Il 20 febbraio nella stessa sede del MLAC, sempre nell'ambito del progetto NERRI, si terrà un dibattito aperto al pubblico sul potenziamento cognitivo, al quale parteciperanno studiosi di ambiti diversi. Dopo i saluti di Delio Mercanti (CNR) e un'introduzione di Vincent Torre (SISSA) sul progetto NERRI e di Manuela Enna sulla mostra NeuroArt, Agnes Allansdottir (TLS) modererà gli interventi di:

Emmanuele Tidoni (AgliotiLAB - Social & Cognitive Neurosciences Laboratory, Roma)

Neuroscienze virtuali: presente e futuro del corpo "umano"

Elisabetta Sirgiovanni (Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Medicina Molecolare - Unità di Storia della Medicina)

Potenziamento cognitivo e neuroetica

Angela Simone (Giornalista scientifica freelance e project manager di Formicablu srl e Fondazione Giannino Bassetti)

Il genome editing nella discussione pubblica in Italia

La mostra resterà aperta dal 16 al 20 febbraio, dalle 14.00 alle 19.00

MLAC - Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea - Sapienza Università di Roma

Palazzo del Rettorato - primo piano. Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma

Info:

NERRI

Rosalba Cilione rcilione@sissa.it

Simona Pandolfi spandolf@sissa.it

Sito web: www.nerri.eu

NeuroArt

Manuela Enna manuelaenna@neuroart.it

Sito web: www.neuroart.it

https://www.facebook.com/festivalneuroart

Mappa
Piazzale Aldo Moro, 5 · Roma San Lorenzo


Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Eventi Popolari

    • Eventi

      Banksy a Roma: 150 opere a Palazzo Cipolla

    • Eventi

      Lungo il Tevere Roma 2016

    • Eventi

      Barbie.The Icon: la mostra al Vittoriano

    • Eventi

      Trastevere Rione del Cinema: Piazza San Cosimato diventa una platea

    Torna su
    RomaToday è in caricamento