Interazioni al Arthes Gallery

Arthes Gallery è lieta di annunciare Interazioni, una mostra personale di Giulia Gensini a cura di Elena Busetta e Sara Fiorelli.

Giulia Gensini si diploma presso lo IED (Istituto Europeo di Design) in Grafica Pubblicitaria e Comunicazione, ed intraprende una brillante carriera nel settore. Pur ottenendo da subito positivi riscontri riguardanti il suo lavoro, emerge in lei una volontà creativa tesa a stravolgere l'assetto formale di quelle copertine fresche di stampa, pronte a rivestire le pagine di settimanali di moda.

Spinta dalla necessità di eliminare definitivamente quella fitta rete di messaggi subliminali di cui ogni propaganda è intessuta, Giulia Gensini, attraverso l'arte del ritaglio e del collage, inizia a smembrare e ricomporre parole ed immagini secondo uno schema del tutto personale. Inizialmente ha come scopo quello di plasmare una propria pubblicità ideale, un suo modo di vedere l'oggetto, spoglio di tutte quelle impostazioni interessate soltanto all'aspetto commerciale della comunicazione visiva.

Sfogliando la collezione di riviste accumulate sulla sua scrivania, si scovano pagine interrotte, dettagli mancanti e parole incomplete. Ogni ritaglio compiuto è un tassello di un puzzle che non si ricompone regolarmente, congiungendo gli incavi alle protuberanze, ma viene fagocitato nel turbine di un campo magnetico, dove, per forza d'attrazione, si collega ad altri ritagli dando luogo ad inaspettate interazioni. Da queste combinazioni prendono origine le opere di Gensini in cui parole ed immagini collaborano insieme, generando attraverso i nuovi accostamenti dei nuovi significati.

Nei primi lavori l'artista dà voce ad un linguaggio che invade la superficie dell'opera a caratteri cubitali, come delle grida urlate a denti stretti ma la cui eco si imprime negli occhi di chi le guarda. Protagonista è una parola che si fa figura, una parola che nella sua sottile ironia ricorda il tempo della Poesia Visiva, ogni lemma accanto ad un'immagine cessa di esistere come didascalia per entrare a far parte del quadro come soggetto.

La parola è suono, è mezzo di comunicazione, è possibilità di interazione. Attraverso le sue opere Giulia Gensini cerca un contatto di reciprocità con l'osservatore, non più visto come individuo da irretire ma come destinatario da ridestare.

Nelle opere più recenti il dettaglio prelevato della realtà si coniuga con diramazioni cromatiche che, avvolgendo il margine di ciascun particolare, completano il gesto dell'artista offrendo nuove possibilità di sperimentazione della tecnica del collage. La fitta ragnatela di parole che fagocitava ogni immagine pare scomparire. Le sillabe si frantumano in lettere fluttuanti e, come in un rebus, invitano chi le guarda a ricomporre l'enigmatico messaggio.

di Sara Fiorelli

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Pink Floyd: la mostra a Roma dal 19 gennaio 2018

    • dal 18 gennaio al 1 luglio 2018
    • MACRO - Museo d'Arte Contemporanea Roma
  • “Canaletto 1697-1768”: le opere in mostra a Palazzo Braschi

    • dal 11 aprile al 19 agosto 2018
    • Palazzo Braschi
  • HUMAN+. Il futuro della nostra specie

    • dal 27 febbraio al 1 luglio 2018
    • Palazzo delle Esposizioni

I più visti

  • Pink Floyd: la mostra a Roma dal 19 gennaio 2018

    • dal 18 gennaio al 1 luglio 2018
    • MACRO - Museo d'Arte Contemporanea Roma
  • Lungo il Tevere Roma 2018: bancarelle, musica e arte illuminano l'estate romana

    • Gratis
    • dal 8 giugno al 2 settembre 2018
  • Giudizio Universale. Viaggio straordinario nei segreti della Cappella Sistina

    • dal 15 marzo 2018 al 31 dicembre 2019
    • Auditorium Conciliazione
  • “Canaletto 1697-1768”: le opere in mostra a Palazzo Braschi

    • dal 11 aprile al 19 agosto 2018
    • Palazzo Braschi
Torna su
RomaToday è in caricamento