Pico fa "tris" a Roma: il gelato "naturalmente buono" a due passi da piazza Bologna

Dopo i due punti vendita e i due corner in giro per la città, il gelato di Gustavo Fabian Sosa si espande in zona Bologna, con gelato al banco, stecchi e torte

Con un laboratorio a vista e il suo slogan "Naturalmente Buono", Pico Gelato si è già fatto conoscere (e apprezzare) dai romani con due punti vendita (al Flaminio e in Largo XXI Aprile) e due corner e, ora, con l'estate alle porte, fa il "tris" ancora in zona piazza Bologna.

Ebbene sì, quella che a Roma è già una confortevole realtà consolidata nell’arte del gelato, annuncia una nuova apertura tutta da festeggiare. Il nuovo punto vendita (il terzo) - con annesso laboratorio - ha aperto in via Ridolfino Venuti, 77. Qui, oltre al gelato artigianale da banco, i clienti potranno trovare torte e piccoli stecchi da asporto.

Qualità e cura del prodotto artigianale sono alcune delle caratteristiche che contraddistinguono il gelato di Pico da anni, facendo sì che il “passaparola”, più che una smodata pubblicità, incuriosisca sempre più romani all’assaggio.

Pico Gelato, la storia

Alle spalle di Pico ci sono le mani esperte e la maestria di Gustavo Fabian Sosa, chef argentino, ma italiano di adozione, che ha saputo utilizzare la passione per la ricerca delle materie prime del territorio e la fantasia e lo spirito sudamericano, nel preparare un alimento così gustoso come il gelato. La serranda del primo Pico è stata alzata nel 2013 e, a distanza di 16 anni, il gelato di chef Sosa è diventata una certezza nella Capitale. Gli anni passano, il lavoro cresce e si apre anche il secondo punto vendita, il gelato buono si riconosce e aumentano le collaborazioni con i corner e i cart (piccoli carretti) dove poter assaggiare la filosofia Pico anche al centro di Roma.

Il gelato di Gustavo Fabian Sosa si distingue per l'utilizzo unico di addensanti naturali, materie prime freschissime e di stagione che vengono lavorate al momento nel laboratorio, senza basi già pronte. Un occhio anche ai celiaci e ai vegani con gusti preparati con minuziosa cura e attenzione.

IMG_5535-2

Il "Dulce de leche"

E, a proposito di gusti, fiore all’occhiello di Pico Gelato è il "dulce de leche", un gusto rappresentativo, originale, tutto da scoprire che ha nel suo cuore l'Argentina. Viene preparato facendo cuocere latte e zucchero fino a farlo diventare una crema, il sapore è dolce, invitante e cremoso, ma soprattutto unico!  Naturalmente non possono mancare i classici come il Pistacchio di Bronte ( certificato DOP con tostatura semplice), Stracciatella ( con cioccolato fondente Ecuador 74%), Mandorla (preparato con latte biologico della Fattoria Latte Sano e mandorla pelata gemella di Avola) e altri tutti da assaggiare. Non solo vaschette generose per guarnire coni e coppette , ma anche gelati pronti da gustare a casa come i piccoli coni o gli stecco da passeggio, oppure le torte gelato sempre ben gradite in tavola.

Dove mangiare il gelato di Pico

Oltre i due punti vendita già conosciuti a Roma, uno nel quartiere Flaminio e precisamente in Via Donatello 81 e l’altro in Largo XXI Aprile 1 (Piazza Bologna) Pico saluta il nuovo nato in Via Ridolfino Venuti 77 che incorpora anche Pico Lab, un laboratorio di idee, novità e studio per questo alimento prediletto da tutti: il gelato.

Ma Pico non è solo punto vendita, potete trovarlo anche nella bellissima cornice di Villa Medici, all’interno della sala da te Colbert e all’ultimo piano della Rinascente in via del Tritone. Tutto, come sempre, sarà tutto "naturalmente buono"!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG_5537-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento