I 10 migliori street food di Roma, per viziare il palato anche quando si va di fretta

Dalle polpette gourmet alle arancine sicule, ecco i dieci migliori street food di Roma, per abbandonarsi ad un gustoso peccato di gola passeggiando per la città

Nell’era del digitale in cui tutto scorre velocemente e ci si diverte a stravolgere ciò che fino ad oggi era stato considerato ordinario, il vero entusiasmo scaturisce dalla possibilità di riuscire a coniugare al medesimo tempo entrambi questi aspetti.
La rivoluzione del nuovo millennio, si sa, ha colpito anche il mondo della cucina, e tra gli appassionati dell’universo culinario è divenuta sempre più insistente la necessità di poter vivere un’esperienza gustativa sui generis, che possa altresì esaurirsi in un batter di ciglia -  giusto il tempo di una breve pausa pranzo.
Ecco perché, nella Capitale, dove le lancette sembrano scorrere più velocemente e si vivono le giornate con grande frenesia, chef e ristoratori si sono attrezzati per offrire piatti di prima qualità da consumare “on the way”, tra un giro in centro per negozi e una piccola pausa prima di ritornare dietro la scrivania.
Stiamo assistendo alla street food revolution, la nuova era del cibo da gustare mentre si passeggia per la città: l’ultima icona culinaria che dà più gusto a sporcarsi le mani. E per non confondersi tra le centinaia di novità che ogni giorno accoglie la nostra città, avendo l’opportunità di assaporare realmente le migliori ricette del cibo da strada, ecco la classifica dei migliori street food di Roma.

pastella-2

10. Pastella (Viale Gottardo, 39)

Chi ha detto che lo street food non può essere gourmet non ha ancora fatto visita da Pastella. Non temete, nonostante il nome di questa friggitoria, non si corre il pericolo di prendere qualche chilo in più semplicemente leggendo l’insegna. Piuttosto, l’unico rischio qui è di commettere ripetutamente un peccato di gola in favore di una delle tante ricette proposte, colpevole l’inevitabile indecisione di fronte alla lista dei fritti. In questo spazio che appare come un santuario dell’olio, il cibo tradizionale della cucina romana viene rivisitato in chiave gourmet, puntando sulla qualità delle materie prime, che vengono accuratamente selezionate e rifornite da piccoli produttori, e su giochi di odori e sapori. Peperoni cruschi dalla Basilicata, verdure in pastella, stick di polenta, pizza fritta, supplì e crocchette di besciamella…serve aggiungere altro?

supplizio-2

9. Supplizio (Via dei Banchi Vecchi, 143)

Da Supplizio va in scena l’incontro tra cucina d’autore e uno dei piatti più amati della nostra tradizione: il supplì. Classico, tradizionale o vegetariano, è questo il tridente vincente con cui lo chef Arcangelo Dandini e il collega Lorenzo d’Ettorre hanno voluto sfidare la concorrenza. E ad accompagnare questo trittico sul campo, scendono anche pietanze come la crema fritta con pecorino, zucchero e cannella, la crocchetta di patata affumicata, il croccante di baccalà e ajoli, e la frittata di maccheroni. Tutto è eseguito con grande attenzione rivolta alla qualità, in linea con l’obiettivo di questa friggitoria gourmet che non solo è nata per omaggiare la cucina tradizionale, ma anche per conquistare qualunque gourmand. Da Supplizio si assiste alla maestria della cucina italiana al servizio del cibo da strada.

konopizza-2

8. Konopizza (Via del Pellegrino, 15)

Chi dice che la pizza è solo tonda è rimasto indietro con i tempi. Da Konopizza, l’impasto di acqua, olio, lievito e farina, prende una forma triangolare, trasformandosi in un cono espresso creato e farcito a vista, pronto per essere gustato in pochi minuti. Questa rielaborazione della più tradizionale pizza presenta diverse varianti, che strizzano l’occhio non solo agli amanti del salato ma anche agli appassionati del dolce, che qui possono gustare gli strepitosi Caramel Nut e Kono Tiramisù.  Assaporando una delle tante ricette proposte, ci si prepara a vivere un’esperienza gustativa originale, certi di non compiere la scelta sbagliata grazie ai sapienti consigli della titolare presente al bancone.

Matò-2

7. Matò (Via Lorenzo il Magnifico, 26)

Appuntamento imperdibile per gli appassionati della cucina pugliese, Matò riesce nell’impresa di racchiudere in un semplice pasto di pochi istanti, tutti i sapori della sua terra di provenienza. L’offerta culinaria spazia dalla Focaccia barese alla Puccia salentina, passando per le dolci note del Pasticciotto Leccese, e per sua maestà il re panzerotto, avvolto da una frittura croccante e asciutta. Una volta varcata la soglia del locale, vista e olfatto predomineranno sugli altri sensi, tuttavia da qualunque di questi vi lascerete guidare, non correrete il pericolo di errori.

allbibox-2

6. All bi Box Organic Street Food (Largo Corrado Ricci, 94) 

Sintesi perfetta del nuovo concetto di street food che sempre più, oggi, attinge direttamente dai piatti delle cucine di una volta per poi riproporli in chiave cheap, senza cadere nel facile errore di confondere lo street food con il junk food, All Bi Box rappresenta il connubio ideale tra pasto informale e qualità delle materie prime, che qui sono a Km 0. Protagonista indiscussa dell’offerta culinaria di questo store è l’indimenticabile polpetta, che viene declinata in 14 differenti tipologie, da gustare agevolmente in tre differenti box (da 3, 8 o 15). Il menù è vario e intrigante: le polpette al sugo come quelle della nonna ci sono, non temete, ma a partire da queste ne sono state create moltissime altre dai gusti più disparati come “La Scozzese”, con salmone affumicato, patate, aneto e vodka con salsa tzatziki, e “La Friariella”, con polpetta di salsiccia e friarielli campani con provola affumicata. Una volta assaporate tutte le meatball sarà impossibile non tornare a far visita al surrogato di Flint Lockwood, nella spendida cornice del Colosseo.

lasagnam-2

5. LasaGnaM (Via Frangipane 15/16 a)

Il fast food che non avreste mai immaginato! Se state pensando al mitico trittico hamburger, patatine e coca-cola siete sulla strada sbagliata, perché in questo inedito spazio ai piedi del Colosseo ad essere preparata sul momento è la lasagna! Lasciate in pace le vostre madri o nonne, sollevatele dall’incarico di preparare questo gustoso piatto e tenetevi pronti per assaporare tutte le varianti targate LasaGnaM, dalla lasagna alla carbonara fino a quella cacio pepe e carciofi. Noto per la cordialità del personale, sempre sorridente e accorto ad offrire il servizio migliore, questo tempio del gusto muta stagionalmente alcune parti del suo menù, alla ricerca della freschezza degli ingredienti e per stupire periodicamente i suoi clienti. Da LasaGnaM si ha la possibilità di mangiare comodamente seduti sui tavoli presenti all’interno del locale, oppure di portar via con sé la propria mini-teglia di lasagna per gustare questo piatto ovunque se ne abbia voglia. L’unica certezza è che, sia che restiate in via Frangipane sia che decidiate di passeggiare per la città, la vostra lasagna vi farà sognare ad occhi aperti.

pastificio guerra-2

4. Pastificio Guerra (Via della Croce, 8)

Se avete desiderato, almeno un volta nella vita, di gustare un appetitoso piatto di pasta fatta in casa davanti a uno delle tante bellezze romane, senza dover necessariamente svuotare il portafoglio o ritrovarvi travolti dalla folla di turisti, il Pastificio Guerra è proprio quello che fa al caso vostro. Pastificio durante tutto il giorno, all’ora dei pasti, sotto la sapiente guida di Massimiliano Sini - colui che da anni gestisce l’attività di famiglia – trasforma il suo laboratorio in una vera e propria cucina, pronta per preparare giornalmente due gustose varianti di pasta espressa. Dalla classica carbonara fino ad arrivare al condimento con piselli e funghi, ce n’è per tutti i gusti e, qui, anche i clienti più esigenti potranno accontentare il loro palato. Forte di un rapporto qualità prezzo capace di stracciare la concorrenza, il Pastificio Guerra rappresenta una delle migliori espressioni dello street  food all’italiana.

mondo arancina-2

3. Mondo arancina (via Marcantonio Colonna, 38)

Arancino? Arancina? Abbandoniamo per un attimo le polemiche: qualsiasi nome abbia, l’importante è che si mangia. E il gustoso timballo di riso siculo di Mondo Arancina eccome se si mangia… si divora! Dimenticate le posate e preparatevi a fagocitare tutti i piatti presenti sul menù, dalle panelle e lo sfincione alle arancine, avventurandovi alla scoperta dell’universo culinario siciliano. In questa rosticceria dalle piccole dimensioni, dotata di pochissimi tavoli, il cibo è solo di passaggio, ma il gusto no: una volta assaporati i prodotti espressi della cucina non riuscirete  far a meno di lasciarvi guidare dalle vostre papille gustative, perdendo qualsiasi potere decisionale.

mordi e vai-2

2. Mordi e vai  (Via Beniamino Franklin, 12/E) 

La cucina romana, si sa, riesce a mettere d’accordo un po’ tutti. E se poi si decide di trasformarla in street food, con un’operazione tanto rischiosa quanto affascinante, che dire, a quel punto l’innamoramento è assicurato. Sergio Esposito questo lo sa bene, lui che con il suo “Mordi e Vai”, il banco di panini al box 15 all’interno del Nuovo Mercato Comunale di Testaccio, attira a sé ogni giorno centinaia di clienti, pronti per vivere un’esperienza culinaria unica, seppur breve. Qui vengono confezionati dei piccoli assaggi di felicità, dove il pane fa da scrigno ai gustosi sapori della cucina romanesca. Il panino più ricercato? L’Allesso di scottona, anche se tutte le altre proposte meritano ugualmente il viaggio di andata, poiché qui ogni condimento è accuratamente selezionato e preparato rispettando il gusto della nostra tradizione. E allora si prosegue con il panino con scottona all’amatriciana, oppure con le amate polpette della nonna al pomodoro, il carciofo alla romana con scaglie di pecorino, la coratella e carciofi e la trippa alla romana. Da Mordi e Vai, non solo gusti il tuo panino andando comodamente a spasso per la città, così come suggerisce il nome, ma non puoi fare a meno di tornare quasi come se si trattasse di attrazione magnetica.

pinsere-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

1. Pinsere (Via Flavia, 98)

Fragrante, appetitosa e allo stesso tempo leggera, la pinsa firmata da Gianni Angelilli rappresenta un biglietto di sola andata verso i sapori dell’antica Roma. Complice la differente idratazione e il maggiore tempo di lievitazione dell’impasto rispetto a quello della tradizionale pizza, essa risulta altamente digeribile pur restando ugualmente golosa. Da Pinsere ogni variante proposta nel menù è una sorpresa di gusto e bontà, a partire dalla pinsa con crema di zucca, pancetta e provola, fino ad arrivare a quella con porchetta, pomodori secchi e porri. Dopo aver assaporato questo piatto, stenterete a credere che si tratti di street food: non un accostamento scontato, semplicemente maestria nell’abbinare i differenti sapori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

  • Coronavirus: a Roma 45 nuovi contagiati. Nel Lazio 3106 gli attuali positivi, 193 sono in terapia intensiva

  • Coronavirus: a Roma 43 nuovi positivi, 4429 casi in totale nel Lazio da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento