Apre Cambio Trastevere: convivialità, mangiare informale e live music nel cuore di Roma

A Trastevere apre i battenti un nuovo locale dove la qualità è di casa, dove si mangia bene, in un ambiente accogliente ed informale, in uno dei rioni più belli di Roma

Foto da Facebook @cambiotrastevere

Cambio - Trastevere apre i battenti i primi giorni di settembre 2019. Il ristorante è stato concepito come luogo di aggregazione, come un naturale prosieguo dei vicoli e delle strade strette di Trastevere.

Un luogo in cui mangiare informalmente, vivere la convivialità ed essere in contatto con un pubblico internazionale, giovane e frizzante. Il comune denominatore e punto centrale di Cambio è la qualità: qualità del cibo, dell’accoglienza e dell’onnipresente musica a cui Fabio e Franco, i due proprietari, sono legati profondamente. Divertimento, professionalità ed educazione alla buona tavola, per uno dei nuovi salotti della gioventù romana. Un angolo con diversi strumenti musicali è il tacito invito per ogni musicista a salire sul piccolo palco del locale e deliziare il pubblico presente. 

La sala è ampia e lascia spazio per un’intimità quasi familiare, è ideale per giovani e famiglie che cercano nel rione Trastevere un angolo di comfort e divertimento all’italiana. La sala principale è illuminata da un divertente murales di mattonelle, rigorosamente Made in Italy, a rappresentare il loro legame con la modernità del design italiano. 

Oli, vini e materie prime sono prevalentemente selezionati tra produttori che hanno a cuore il valore del biologico e del rispetto dell’ambiente. Sostenibilità e sapore sono infatti i due concetti principali portati avanti con orgoglio dalla brigata di Cambio: ingredienti selezionati e composizioni di piatti che prediligono abbinamenti delicati e formati da pochi ingredienti per volta. Un modo di mantenere l’attenzione sul gusto e centrale il rispetto della tradizione.

Lo staff

Fabio Trovato, chef - classe 1987 e pugliese di origine -  eredita la passione per la cucina dalla sua famiglia, ristoratori di professione, e decide di trasferirsi a Roma per accrescere le proprie competenze e avvicinarsi alla cucina gourmet. Dopo l’esperienza prima al Moma e poi all’Aleph e dopo aver gestito la cucina di Buff, decide di prendere in gestione la precedente attività e di fondare il Cambio.

La sua cucina è mediterranea, fatta di ingredienti semplici, ma ben combinati tra loro; l’obiettivo è quello di manipolare pochissimo la materia prima per lasciarne inalterati gusti e proprietà e per esaltarla al meglio.

Al suo fianco, in sala, c’è Franco Magliocchetti, giovanissimo anche lui, sommelier e a marzo 2019 premiato come migliore sommelier dell’olio d’Italia.

Diplomato all’Istituto professionale del Turismo di Barletta, ha lavorato da sempre nell’accoglienza e nella ristorazione. Alberghi, villaggi turistici, ristoranti sia in Puglia che all’estero, sono stati i suoi banchi di prova e luoghi di incontro con i suoi  maestri. La sua crescita professionale è stata dettata da una ferrea volontà di imparare e migliorarsi: è partito infatti da commis di sala per poi diventare Maitre d’hotel per la famiglia Signorini. 

La sua ultima esperienza lo ha visto da Buff al fianco di Fabio. E’ qui che i due ragazzi danno vita al loro progetto fatto di buon cibo, musica e tanta accoglienza.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento