La danza è di casa al Teatro Tor Bella Monaca

Un mese all'insegna della grande danza al Teatro Tor Bella Monaca. Si comincia il 3 giugno (alle 21) con FRAMMENTI DI UN DISCORSO AMOROSO, coreografie Salvatore Romania e Laura Odierna, danzatori Salvatore Romania e Valeria Ferrante. Una performance che affronta la dialettica Io/Noi, perché ogni volta che siamo in relazione con l'altro, mettiamo in atto anche il nostro desiderio di non annullarci nell'altro. Vogliamo essere con l'altro, ma nello stesso tempo, per salvare la nostra individualità, vogliamo non esserci completamente. Di qui quell'esserci e non-esserci, quel rincorrersi e tradire, che fa parte della relazione amorosa. Perché l'amore è una relazione, non una fusione… A seguire sempre il 3 giugno alle 22 sarà la volta di POLIMNIA#1, presentata da TiDA-Théâtre Danse, verso la pluralità del corpo, ideazione e coreografie Marco Chenevier, interpreti Marco Chenevier, Alessia Pinto. Si prosegue poi il 4 giugno, dalle 18, con POLVO, una produzione Otra Danza con la regia di Asun Noales, la coreografia di Asun Noales y Gustavo Ramírez Sansano, la musica di Autori Vari, e gli interpreti Saray Huertas, Asun Noales, Salvador Rocher y Sebastián Rowinsky. Come un canto o il presagio di un silenzio, la linea di un luce muta sorge in questo movimento di mani, di volti e di braccia che sono la liturgia dell'alto volo di una celebrazione: il mondo resta ora riassunto in questo spazio, in questo ambito nel quale i corpi sono la preghiera intima di un'aria, la chiusura serena di un respiro nel quale si ferma la vita e rinasce un'altra più alta, più libera e più pura. Alle 19 sarà la volta di INDACO/ UN COLORE PER DANZATORE, di e con Fabio Ciccalè, disegno luci Danila Blasi."Indaco" è la tappa conclusiva di un progetto solistico iniziato nel 2006 con "Count Down" e continuato nel 2009 con "Estatica Attitudine". Come in un processo alchemico, che, attraverso le tre fasi (nigredo-albedo-rubedo), trasforma la vile materia in pietra filosofale, "Indaco" vuol essere il momento della temporanea consapevolezza del proprio linguaggio coreografico, un punto di arrivo prima di una nuova partenza. IL VIANDANTE | a ritroso nell'esistenza (una produzione SineSpaZio | Compagnia Atacama) sarà in scena invece martedì 6 e mercoledì 7 giugno alle ore 21, coreografia e regia Carmen De Sandi, danzatrici Marina Branca, Manuela Cirfera, Carmen De Sandi, Francesca Zavattaro musiche Carlo Alfano. Il viandante osserva i propri ricordi, ricorda i propri sogni e sogna, ancora una volta. Ripensa a se stesso, rimbalzando tra ciò che è stato e ciò che avrebbe potuto essere, diventa emblema di come "si va", di come si vive la propria esistenza. Il viandante sbircia le diverse fasi della Vita, in cui passato, presente e futuro dialogano e si raccontano, in un processo scorrevole e dinamico. Lo spettacolo è un percorso a ritroso nell'esistenza, con il suo "sacco" colmo di esperienze, di ricordi, di emozioni vissute o solo agognate, di occasioni colte oppure mancate. I sogni del passato, quelli che un giorno aveva abbandonato, prepotenti, gli ritornano davanti agli occhi e gli dicono qualcosa di nuovo, di sconosciuto, gli danno energia, anche nell'inverno della propria esistenza. L'8 giugno alle 21 saranno in scena i due spettacoli ENTER LADY MACBETH | STILL. Si comincia alle 21 con ENTER LADY MACBETH (estratto), coreografia e concezione scenica Simona Bucci, musiche originali Paki Zennaro, disegno luci Gabriele Termine, interpreti Sara Orselli, Frida Vannini, coproduzione Festival Danza Estate di Bergamo; Festival Orizzonti di Chiusi, organizzazione Marika Errigo, Compagnia Simona Bucci. Il tema di fondo è l'indagine della condizione e della natura umana, sia pure in rapporto al problema del potere e del suo esercizio. Il senso della tragedia è il trasferimento dal piano magico e fatale a quello psicologico e umano, Lady Macbeth diventa, come le streghe, creatura della notte e questo suo sostituirsi, con la sua presenza fisica di donna, a quegli esseri che appaiono mere esalazioni della terra e dell'aria, sottolinea la transizione progressiva dal piano metafisico a quello umano. La natura qui indagata rappresenta il nucleo creatore e distruttore degli eventi stessi, forza che incita, che muta, che stimola, esalta, condanna, arma, in un percorso fatto di promesse, potenzialità, ambizioni, paure, colpe, rimorsi, punizioni e follia come umano riflusso di coscienza. Alle 22 sarà la volta di STILL, coreografia e interpretazione Sara Orselli, Frida Vannini, disegno luci Gabriele Termine, direzione artistica Simona Bucci, produzione Compagnia Simona Bucci, organizzazione Marika Errigo. Un lavoro che indaga sulle tematiche del sostegno e della fratellanza umana attraverso la potenzialità espressiva della forma. Dal 9 all'11 giugno sarà di scena COL CORPO CAPISCO#1, (una Produzione Atacama con il contributo del MiBACT), Compagnia Adriana Borriello, in co-¬‐produzione con Orizzonti Festival, Giardini Pensili e Spazio Aereo Venezia, coreografia Adriana Borriello, con Adriana Borriello, Donatella Morrone, Ilenia Romano musica Roberto Paci Dalò. Col Corpo Capisco non è solo un titolo, ma una dichiarazione, un manifesto, un modo di stare al mondo. Cuore del lavoro è la trasmissione, da corpo a corpo, attraverso il movimento come pratica e linguaggio, il cui strumento principe è il sentire: nella ricerca della perfetta aderenza al qui ed ora, l'interezza dell'esserci si perde nel sempre e ovunque. Il movimento come arte dell'impermanenza parla con le parole del Tempo e dello Spazio, e in essi imprime, plasma, scolpisce, dà forma all'invisibile. La danza, essenza dell'atto "inutile" che riflette su sé stesso, diventa medium di conoscenza della non conoscenza, la sapienza del corpo, dell'esserci. Qui la danza è musica del movimento e la musica è danza dei suoni, territorio comune il corpo. In scena due giovani danzatrici e me - corpo/matrice il mio, corpi/ricettori (poi a loro volta creatori) gli altri - e la musica, con cui la nostra danza risuona. Questo lavoro è dedicato a John William Shadow, mio Maestro, e amico. (Adriana Borriello). A chiudere il mese dedicato alla danza dal 23 al 25 giugno sarà la Compagnia Atacama con MIGRANTI, concept, coreografia, regia Patrizia Cavola e Ivan Truol, con Stefania Di Donato, Linda Guerriero, Cristina Meloro, Deborah Patrizio, musiche originali Epsilon Indi, costumi Arianna Pioppi, isegno Luci Danila Blasi. Il progetto coreografico si pone l'obiettivo di andare a sondare, attraverso la creazione artistica, le migrazioni, la mobilità, l'integrazione, la diversità culturale, i conflitti e le contraddizioni che ne derivano. Esplorare il concetto di mobilità, movimento interno ed esterno, del singolo e dei gruppi, direzioni e flussi migratori, spostamenti liberi e indotti, invasioni. E infine, il 27 e il 28 giugno alle 21 DI ANGELI, DI DEI, DI UOMINI (Leipziger Tanztheater), coreografia di Alessio Trevisani, danzatori Dario Bezer, Charlie Fouchier, Matteo Magnabosco, Aya Mishkelboim, Linda Weißig , Claire Wolf, costumi Mehrbood Mokarram, musica Luigi Nono, Nico Muhly, Johan Sebastian Bach, Ali Reza Ghorbani. I miti e i misteri sono nati dai rapporti emozionali degli uomini per fornire a loro stessi una spiegazione simbolica della loro instabile Physis. I miti stanno all'amore, all'odio, all'avidità, alla violenza, all'armonia, alla paura, alla guerra e alla pace come un arcobaleno sta alla varietà di sfumature di colori disponibili. I miti, come l'arte, la lingua e la danza sono misteri. Essi disegnano e configurano una immagine del futuro e del passato contemporaneamente. Un lavoro coreografico ispirato al concetto filosofico che sottende le metamorfosi di Ovidio, dove materia e sostanza corporea sono in continuo mutare e traslare dall'umano al divino, dal corporeo all'incorporeo. Gli angeli diventano un motivo politico di unione per costruire, attraverso la danza, immagini di pace in un dialogo tra corpo e cultura. Tra oriente e occidente. Info e prenotazioni: 06 2010579 | promozione@teatrotorbellamonaca.it www.teatrotorbellamonaca.it - www.teatriincomune.roma.it Biglietti: Intero 10 euro Ridotto 8 euro Abbonamento riservato agli allievi delle scuole di danza valido per tutti gli spettacoli della rassegna: 40 €

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Potrebbe Interessarti

    • Real Bodies: a Roma la mostra scopri il corpo umano

      • dal 8 aprile al 9 luglio 2017
      • Guido Reni District
    • La Casa delle Farfalle Roma

      • dal 25 marzo al 4 giugno 2017
      • La Casa delle Farfalle Roma
    • Le opere di Botero in mostra a Roma

      • dal 5 maggio al 27 agosto 2017
      • Complesso del Vittoriano

    I più visti

    • Real Bodies: a Roma la mostra scopri il corpo umano

      • dal 8 aprile al 9 luglio 2017
      • Guido Reni District
    • La Casa delle Farfalle Roma

      • dal 25 marzo al 4 giugno 2017
      • La Casa delle Farfalle Roma
    • Le opere di Botero in mostra a Roma

      • dal 5 maggio al 27 agosto 2017
      • Complesso del Vittoriano
    • Basquiat a Roma, la mostra al Chiostro del Bramante

      • dal 24 marzo al 2 luglio 2017
      • Chiostro del Bramante
    Torna su
    RomaToday è in caricamento