VIDEO | La Sapienza, dopo il restauro tornano i simboli fascisti sull'opera di Mario Sironi

Il grande murale di Mario Sironi, 'L'Italia tra le Arti e le Scienze' del 1935, è tornato al suo antico splendore e può essere visitato fino al 21 gennaio nell’Aula Magna dell’università La Sapienza, nella quale è stata allestita anche un museo storico.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

L’intervento di restauro effettuato in collaborazione tra Miur e Mibact avviato con la firma di un accordo sottoscritto da Sapienza Universita' di Roma e dall'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, ha riportato alla luce l'opera di  Mario Sironi, per oltre ottant'anni occultata dietro spessi strati di colore finalizzati a nascondere la superficie originale  e a celare i simboli del regime fascista. “Un intervento di censura deciso dal rettorato dell’università nel 1950 - spiega la professoressa de La Sapienza e direttrice dei lavori di restauro, Eliana Billi - ma che nascondeva di fatto tutta la vena artistica del pittore. L’arte non dovrebbe mai essere censurata perché rispecchia il periodo storico a cui riferisce”.

I lavori di recupero del murale di Sironi sono durati due anni e restituito così all’università, e alla città, con una cerimonia ufficiale durante i festeggiamenti per gli 80 anni della Citta' universitaria. Si potrà vedere dalle 12 alle 17 di  giovedì 4, venerdì 5, lunedì 8, martedì 9, mercoledì 10,  venerdì 12 e ancora il 17 e il 19 gennaio insieme al museo che ricostruisce anche la storia del dipinto e il lungo percorso di recupero.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (29)

  • a quanti hanno colto l'occasione, sfruttando il restauro dell'opera di Sironi, per inneggiare al fascismo a Mussolini, etc., faccio osservare soltanto che l'artista chiamato a dipingere l'Aula Magna della Sapienza, università fiore all'occhiello del Regime, non poteva che assecondare volontà e desideri della committenza. Oggi, avere assecondato il Regime con l'inserimento dei fasci romani non ha più senso alcuno - se mai l'avesse avuto in quello stesso tragico ventennio - e ritengo che anche Sironi oggi sarebbe d'accordo, e non per piaggeria, per cancellare inutili e vergognosi orpelli dalla sua creazione pittorica.

    • Si, condivisibile...

    • quindi anche Michelangelo, il Bernini ecc ecc dovevano per forza assecondare la committenza (papa) con le loro opere d'arte mentre al di fuori in nome di nostro Signore scorrevano fiumi e mari di sangue.... e dunque??? Copriamo là XXXYXY sistina, abbattiamo il colonnato del bernini .... Mario dato che tu puoi goditi la pensione che è meglio

      • occorrerebbe avere la massima cautela nel considerare la Chiesa cattolica come responsabile diretta di spargimenti di sangue, quasi sia stata nel XVI e XVII secolo promotrice di guerre e di invasioni, alla stessa stregua delle nazioni/stati europei che iniziavano la colonizzazione dell'America del Nord e del Sud con spedizioni militari di conquista e dominio. Da questa ovvia scontata analisi non si può perciò assimilare in nessun modo le opere di Michelangelo, di Bernini e/o di qualsiasi altro artista di quell'epoca o di altri periodi all'intervento artistico di Mario Sironi, visto e considerato anche che l'artista romano eseguiva su committenza di una dittatura, avendo anche e soltanto, per così dire, la fortuna di non fare coincidere il dipinto apologetico né con l'invasione dell'Etiopia né con le leggi razziali del '38, né con l'appoggio militare al nazismo hitleriano nella Guerra di Spagna, ed infine con l'ingresso tragico nella II Guerra mondiale a fianco della Germania.

      • Visto che tu sei quello di W il duce non meriteresti risposta, ma giusto per riaffermare i tuoi limiti: non sono situazioni analoghe perché nei casi da te citati rimane di fondo il valore del cristianesimo e nelle opere gli artisti esprimono valori universali come la fratellanza e l'amore. Il fascismo invece non ha valori, esprime solo odio e prepotenza.

        • giusto, non fa una piega.

        • .... i fantastici valori del cristianesimo.... La storia ci insegna che in nome del Signore sono state fatte le peggiori porcate mai pensate da mente umana altro che deportazioni ...il resto sono favolette da catechismo ...infine se pensa che ho dei limiti si "limiti" a non rispondere o lo faccia con educazione ... tutti leoni dietro alla tastiera ;)

          • Il leone (stupido) dietro la tastiera sei tu che inneggi al duce. Per il resto non capisci, inutile ripetere.

  • E meno male...I piddini radical chic di sinistra subito pronti alle solite sparate..

  • l'opera di Sironi nell'Aula Magna della Sapienza andava restaurata, ma certamente non andavano né restaurati né recuperati i simboli del fascismo, simulacri di una dittatura rifiutata e rigettata dal popolo italiano nella lotta di Resistenza.

    • Ecco un altro che vuole abbattere il quartiere dell'EUR

    • Impari a tacere per favore il fascismo oggigiorno è un rimpianto per tutti visto che siamo un paese invaso ormai senza controllo ... e poi l'opera d'arte è composta anche da quei simboli cosa si fanno restauri a metà?? W il duce oggi più che mai!

      • Che pena e che sconforto leggere queste cose. Quanta storia dimenticata, travisata, sconosciuta. Che assenza di valori umani, prima ancora che di sensibilità, cultura, intelligenza...

      • Rimpianto non per me. Dunque non per tutti. Piu probabile per pochi come te. Il Duce era,un cretino

        • Beh si può sicuramente criticare il fascismo su alcune posizioni come anche il Duce stesso per alcune scelte discutibili che ha fatto, di certo non gli si può dare del cretino.

          • Solo alcune ? Le leggi Razziali basterebbero solo quelle a definirlo un idiota totale.... però ha fatto la bonifica, i treni arrivavano in orario, la delinqienza non esisteva e via,cosi .....

            • Anche altri capi di stato dell'epoca ammiravano Mussolini e ciò che aveva fatto in Italia, ciò non negando quanti errori ha fatto.

          • Ma del criminale, dell'assassino...

            • E quindi !? Convieni con me che non gli si può dare del cretino

              • Anche: come lo chiami uno che con un esercito ridicolo vuole conquistare il mondo sulle orme gli imperatori romani?

                • Ahahah si forse nei film che ti hanno fatto vedere

                • Era un frustrato. Pensava di fare cone avevan sempre fatto i Savoia prima,di lui entrare nelle guerre gia vinte da,altri dalla parte dei vincitori. Un vero idiota idolatrato da chi,pensa che si stava meglio qiando si stava peggio

                  • Ma scusate come si fa a dare dell'idiota tenendo conto quello che ha fatto, nel bene e nel male.

  • L'arte non va mai censurata, ma può essere arte quella che si piega a un regime?

    • Quindi secondo te andrebbero censurate le opere prodotte durante il cubismo, dadaismo, ecc, oppure andrebbe demolito L'Esercito di Terracotta dell'Imperatore Qin Shi Huang o ancora meglio buttiamo giù pure le Piramidi di Giza !? (non continuo perché di esempi ne potrei fare miliardi).

      • A quale regime era asservito Picasso? Per non parlare del Dadaismo, che è antisistema per definizione. Citi cose che non conosci, nessuno degli esempi che hai fatto è pertinente.

        • E no caro mio, ti ho fatto esempi chiari, certo tendevano ad estremizzare il concetto, il problema di chi la pensa come te è che guarda coi paraocchi, l'arte è arte e in quanto tale va tutelata. Il fas.c.ismo è morto 70 anni fa ritirato fuori dalla sinistra oggi perché è l'unico legante che tiene insieme questa sinistra.

        • E no caro mio, ti ho fatto esempi lampanti (certo tendevano ad estremizzare il concetto) il problema di chi la pensa come te è che guarda coi paraocchi, l'arte è arte e in quanto tale va tutelata. Il fascismo è morto 70 anni fa ritirato fuori dalla sinistra oggi perché è l'unico legante che tiene insieme questa sinistra.

    • Ma per favore....

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    VIDEO | Manuel Bortuzzo torna in vasca a nuotare: "Ora inizia la mia riabilitazione"

  • Cultura

    VIDEO | Ecco Tulipark, il giardino olandese di Roma: migliaia di tulipani colorano Villa de Sanctis

  • Sport

    VIDEO | Lazio-Roma 3-0: i gol e gli highlights del derby

  • Sport

    Pepe e Dzeko testa a testa: l'attacante della Roma "sviene". La sceneggiata è virale

Torna su
RomaToday è in caricamento