Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO| Luci e suoni tra le strade del Pigneto e Torpignattara: è Light Experience

Mappa in mano, abbiamo percorso i 4 chilometri previsti dal festival Rgb Light Experience che, sotto il tema di “sogni lucidi” ha portato 19 artisti a creare un'opera luminosa in alcuni luoghi tra i quartieri di Torpignattara e Pigneto.

 

Protagonista la light art, forma di arte urbana contemporanea che vede nell’utilizzo della luce il suo mezzo di espressione grazie a cui la città diventa un museo a cielo aperto, fruibile da tutti. Festival che è riuscito a portare molti romani a farsi una passeggiata in questo pezzo di municipio V, e che si concluderà stasera, domenica 29 ottobre.

C'è da “curiosare” nella vita e nelle storie degli abitanti di un palazzo nel cuore della Marranella con l’opera di video mapping Building’s soul di Vj Alis, all’anagrafe Alice Felloni, classe ’85 con alle spalle collaborazioni con Rai e Fendi. Oppure fare una partita a “The Pinball”, video installazione ludica FLxER Mapping gaming firmata da Gianluca del Gobbo, personalità di spicco della scena creativa nazionale e internazionale con una collezione di riconoscimenti in tasca. Marco Amedani torna con Call your special Franci. Si prosegue con le installazioni luminose di Federico Cecchi, DreamboxMiodesopsie di Andrea Daly e Federico Cecchi, e Code 13, che gioca sull’assenza tra gli spazi vuoti di una palazzina, di Massimo Desiato. Fascino al Parco Giordano Sangalli, all'acquedotto Alessandrino, con Radiolaser. Mentre nel giardino Arena Aurora, ex arena cinematografica chiusa al pubblico da 60 anni, la particolare esposizione di Photosynthesi, un intervento artistico basato su una tecnica innovativa che utilizza un estratto a base di clorofilla come pigmento temporaneo per dipingere il giardino spontaneo, visibile solo attraverso degli occhialini.

“Il festival vuole essere soprattutto un'esperienza per i visitatori – spiega Diego Labonia direttore artistico di Rgb – abbiamo invitato gli artisti ad esprimere delle emozioni selezionando alcuni luoghi di Roma che avevamo precedentemente proposto. E siamo molto soddisfatti per le opere, e quindi per il contenuto artistico di questa passeggiata che stiamo invitando a fare per queste strade di periferia”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento