Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da San Cleto al primo album: la romanità di Sherol Dos Santos con l'X-Factor per uscire dalla periferia

Una passeggiata nel suo quartiere, dove è nata e cresciuta. Poi i sogni e ambizioni. Sherol Dos Santos si racconta a RomaToday

 

“Sherol mi canti una canzone?”. Prende il microfono, si concentra ed inizia ad intonare il suo singolo “Pleiadi”. E così, in un attimo, entra in cuffia la potenza della sua voce.

Sherol Dos Santos, nata 23 anni fa nel piccolo quartiere di San Cleto (accanto a San Basilio) di Roma da genitori originari delle isole di Capo Verde,  si è fatta conoscere dal grande pubblico grazie  l’edizione di X Factor del 2018.

Una voce potente, una semplicità coinvolgente, ma anche grinta e determinazione che occorre per fare strada nel mondo della musica.  Sherol si racconta a Roma Today: dalla sua infanzia, la crescita senza il padre che però l’avvicina alla musica, l’esperienza di X Factor. E poi i sogni. 

Lo scorso dicembre l’uscita del suo primo singolo “Pleiadi”, prodotta a Instant Crush Records: “Un sogno che diventa realtà  - racconta -, presto uscirà il secondo singolo, di cui non dico nulla, poi il mio primo album. Una sorta di riscatto che accomuna ogni artista che arriva dalle periferie”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento