Ore diciotto, Roma vista da un balcone ai tempi del Coronavirus

Il progetto fotografico, nato da due amici, racconta le vite dei romani affacciati a balconi e finestre alle ore 18 in punto

Ore diciotto, foto di Nicola Cerza

C'è chi fuma una sigaretta e chi sorseggia un caffè con lo sguardo perso. Ci sono gli anziani che guardano da una finestra il tempo che passa e giovani che suonano e intonano canzoni. C'è chi apparecchia la tavola per il pranzo sul balcone cercando di respirare quel po' di libertà. Chi batte le mani, chi le alza al cielo. Sono tutti in bianco e nero. Tutti immortalati da un obiettivo e raccolti in un progetto fotografico nato da un balcone, ai tempi del Coronavirus.

"Ore diciotto". Non poteva che chiamarsi così la raccolta di scatti ricchi di emozioni, sensazioni, vita, che Nicola e Matteo, amici da una vita, hanno creato per raccontare la quarantena vista da un balcone, attraverso tanti altri balconi.

Dietro l'obiettivo c'è Nicola Cerza, fotografo romano 31enne residente al Laurentino 38. Ma a motivarlo, per dare vita a questo intenso racconto fotografico è Matteo Castellani, 23enne, carico di entusiasmo, motore del progetto.

"Consapevole di quanto Nicola sia bravo e vedendo alcuni scatti pubblicati sul suo profilo Instagram il primo giorno di quarantena, ho deciso di chiamarlo - ci racconta Matteo - per proporgli un'iniziativa". E' nato così, da una telefonata tra amici, il progetto @orediciotto. Un profilo Instagram in bianco e nero che, quotidianamente, si arricchisce di scatti in grado di raccontare in modo autentico e dal forte impatto emotivo, sguardi, vite, espressioni di romani al balcone, alle ore 18 in punto. 

"L'obiettivo - ci dice Nicola, il fotografo - è quello di raccontare questi giorni. Mi emozionano soprattutto gli scatti delle persone anziane al balcone, mi trasmettono nostalgia. Guardano il mondo da quel balcone come se la loro storia fosse finita tra quelle 4 mura".

Il bianco e nero è ricorrente perché vuole trasmettere proprio questa nostalgia, con il desiderio che il mondo torni presto ad essere vivace e colorato. 

Giorno dopo giorno Ore diciotto prende forma. Racconta una storia nuova, un'emozione nuova. Sempre alle ore 18, sempre attraverso quei balconi del Laurentino 38. Un bel progetto nato in quarantena,che Matteo e Nicola sperano sfoci, in futuro, in tanti altri bei progetti, come una mostra, un libro, i cui introiti possano essere donati in beneficenza. 

Non nascondono la paura per il futuro i due giovani amici romani, ma non vogliono neanche dimenticare questo momento storico complesso, unico, inaspettato. Lo fanno attraverso le foto, attraverso quei volti, quei momenti immortalati che sono più eloquenti di tante parole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento